Morbillo, i casi di Bari preoccupano gli esperti

Quando gli esperti di tutto il mondo sottolineano “ossessivamente” la necessità di vaccinarsi, tanti rimangono ancora perplessi, complici anche i no vax che negli ultimi anni stanno portando avanti campagne a tappeto, anche se palesemente senza nessun fondamento.

Eppure quando i moniti degli esperti cadono nel vuoto le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: ben otto contagi di morbillo sono stati confermati a Bari, tutti non vaccinati.

Da stabilire se i contagi siano tra loro collegati, mentre è in corso un’indagine per accertare se tutto sia partito da una bimba di 10 anni, figlia di genitori No vax, ricoverata a metà ottobre nel reparto di malattie infettive dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII.

“Il focolaio di morbillo registrato a Bari è sotto controllo, ma dobbiamo porre l’attenzione sul fatto che, nonostante le ottime percentuali di copertura vaccinale della Puglia (95% a 36 mesi, valore giudicato ideale dall’OMS) e in un momento in cui sussiste l’obbligo vaccinale, si sia verificato un classico “episodio atteso” di un focolaio familiare/ospedaliero”, afferma in una nota il ministero della Salute.

Del contagio ha parlato anche il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Walter Ricciardi, che a margine di un’iniziativa sulla sanità, ha evidenziato come i casi di morbillo a Bari “ci devono preoccupare perché come volevasi dimostrare la situazione del morbillo non è assolutamente sotto controllo, è una situazione allarmante”.

Potrebbero interessarti

Sanità, un paziente su 10 spende almeno mille euro al mese per curarsi

Cara sanità: in Italia un paziente su 10 spende almeno mille euro…

Capodanno 2018, dal prossimo anno nel cenone gli insetti

Come ogni anno, Coldiretti traccia un quadro approfondito di come gli italiani…

Scorretto e squilibrato lo stile di vita degli universitari italiani

Lo stess pre esame, tante ore in aula o chiusi in casa…

Emofilia, urge un accordo per l’assistenza sanitaria sull’intero territorio

L’emofilia è una malattia rara di origine genetica legata alla coagulazione del sangue:…