Nephilim: erano giganti o angeli caduti sulla Terra?
Nephilim erano giganti o angeli caduti sulla Terra

Chi erano esattamente i Nephilim? Quest’area di studio si distingue dagli altri fenomeni paranormali in quanto è uno dei pochi luoghi in cui la storia biblica e l’ufologia si intersecano.

La parola “Nephilim” è una parola ebraica che significa “i caduti“, ed è menzionata nel libro della Genesi per descrivere un’antica razza di giganti che erano metà umani e metà angeli.

Secondo il passo della Genesi 6:4, durante il periodo antidiluviano (pre-alluvione), i giganti (tradotti come “Nephilim” nel verso reale) abitavano la terra, e si dice che fossero il prodotto di un mescolarsi di “i figli di Dio” ( Ebraico: B’nai Elohim) con gli esseri umani.

In almeno altri quattro momenti delle Scritture, la frase “figli di Dio” si riferisce specificamente agli esseri angelici, il che implica che i Nephilim erano una razza ibrida prodotta dalla convivenza di angeli caduti con donne umane.

L’intrusione di questi esseri negli affari umani produsse un effetto dannoso sull’umanità, e per molti versi l’avvento dei Nephilim fu la ragione principale del Diluvio di Noè.

Descrizioni dettagliate dei Nephilim compaiono in scritti apocrifi come il Libro di Enoch e il Libro dei Giubilei. Nei capitoli 6 e 7 di Enoch, i seguenti versetti forniscono un resoconto di apertura delle attività dei Nefilim prima dell’inondazione di Noè:

Capitolo 6: La caduta degli angeli

“E quando avvenne che partorirono i figli degli uomini, partorirono una bella figlia e gli angeli del cielo iniziarono a desiderare che le donne sulla terra si innamorassero dicendo: facciamo figli con queste donne e lascia che siano le nostre mogli.

Gli angeli andarono contro Dio e si riversarono sulla terra: e il nome di questi angeli cattivi: Samlazaz: Arakalba: Rameel: Kokablel: tamlel: Ramlel: Danel: Ezeqeel: E Baraqajal ed altri.

Capitolo 7: La nascita del male

Hanno insegnato all’umanità molte cose, dagli incantesimi e dal taglio delle radici e li hanno fatto conoscere dalle piante. E le donne rimasero incinte e partorirono grandi “giganti” la cui altezza era di tremila ells. che consumarono tutte le conoscenze degli uomini e presto quando l’uomo non riuscì più a sostenerli, i “giganti” si rivoltarono contro di loro e divorarono l’umanità.

Secondo il racconto di Enoch, i Nephilim iniziarono a provocare il caos sulla terra, dominando gli affari degli uomini e consumando risorse in misura insostenibile.

Alcuni antichi scritti hanno lasciato intendere che i Nephilim potrebbero aver ridotto in schiavitù gli esseri umani per alimentare i loro colossali appetiti e quando gli umani semplicemente non potevano produrre abbastanza cibo o risorse, questi enormi esseri si sarebbero impegnati nel cannibalismo per soddisfare i loro appetiti.

Antichi racconti dipingono i Nephilim come estremamente violenti e perversi, il che probabilmente ha innescato il giudizio di Dio attraverso il diluvio universale. Diversi studiosi della Bibbia affermano che Noè fu scelto da Dio per continuare a propagare la razza umana perché la sua linea di sangue non era stata contaminata dai Nefilim.

Le Scritture alludono a ciò in Genesi 6: 9, dove menziona che Noè era “perfetto nella sua generazione“; in questo verso, la parola “perfetto” in ebraico è tradotta “senza imperfezioni“.

È interessante notare che questi strani eventi sono stati ripresi nei miti e nelle leggende di ogni antica cultura del pianeta, inclusi gli egiziani, gli antichi greci, gli indù, gli indiani d’America, gli isolani dei Mari del Sud e praticamente anche tutti gli altri.

Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che i Nephilim potrebbero essere stati coinvolti nella costruzione di molte delle antiche strutture megalitiche come la Grande Piramide e Stonehenge, dal momento che la tecnologia necessaria per realizzare tali talenti di ingegneria non avrebbe potuto essere relegata a semplici strumenti e sforzi umani .

Gli scritti nel Libro di Enoch suggeriscono anche che questi angeli caduti erano responsabili dell’insegnamento agli uomini di conoscenze avanzate come astronomia, stregoneria, matematica, lavorazione dei metalli e muratura, un concetto che è altamente suggestivo alla luce del fatto che molte caratteristiche di questi antichi le strutture megalitiche mostrano un grado sofisticato di conoscenze architettoniche e ingegneristiche.

La cultura sumera di 5.000 anni, che è responsabile dell’invenzione della prima lingua scritta conosciuta e dei principi di base della matematica, attribuiva le loro conoscenze a esseri che chiamavano “Annunaki“, che erano descritti nei loro antichi scritti come Gli “dei del cielo” che scesero sulla terra e impartirono queste informazioni specializzate.

Il capitolo 6 di Genesi dà anche l’impressione che gli eventi bizzarri che circondano il diluvio di Noè non fossero limitati a quel solo periodo di tempo; il versetto 4 menziona che i giganti erano sulla terra durante i giorni di Noè, ma “anche dopo quello”, nel senso che questi esseri bizzarri emersero anche in tempi successivi.

Ciò è confermato da Numeri 13:33, quando le dodici spie israelite tornarono per dare a Mosè il loro rapporto dopo aver spiato la terra di Canaan: “E lì abbiamo visto i giganti (ebraico: nephilim), i figli di Anak, che provengono da ( o, sono il prodotto di) i giganti (nephilim), e noi eravamo ai nostri occhi come cavallette … ”Evidentemente, questi giganti erano estremamente intimidatori fisicamente.

Secondo i testi biblici ed extra-biblici, i Nephilim erano comunemente descritti come aventi queste caratteristiche:

* In genere erano due o tre volte l’altezza e le dimensioni degli uomini normali.
* Erano il risultato di una mescolanza di umani e angeli.
* Erano comunemente associati alla cultura cananea dopo il Diluvio.
* Avevano spesso polidattilia (dita aggiuntive); Goliath è stato descritto in 2 Samuele 21:20 come avere sei dita su ciascuna delle sue mani e sei dita su ciascuno dei suoi piedi. Altri resoconti di questa razza di giganti li descrivono come aventi due file di denti sulle mascelle superiore e inferiore.

Ci sono stati diversi resoconti di archeologi e vari laici che hanno portato alla luce scheletri di questi giganti in tutto il mondo. Negli anni 1920 e 1930, un archeologo dilettante di nome Ralph Glidden scavò dozzine di scheletri giganti su una piccola isola al largo della costa della California conosciuta come Catalina.

Il famoso cowboy “Buffalo Bill” riferì nella sua autobiografia che i nativi americani che incontrò descrissero una leggenda di una “razza di giganti” che abitava il territorio indiano Pawnee di South Platte (Colorado).

Secondo quanto riferito, questi giganti erano “tre volte più grandi degli uomini normali e in grado di superare un bufalo e persino portarlo in una mano“. Alcuni ricercatori affermano che il saluto dei nativi americani in cui alzano la mano, nasceva come un modo per dimostrare che avevano una normale mano umana invece di una mano con dita extra.

foto@Wikipedia

Loading...
Potrebbero interessarti

Svelato il progetto della creazione dello Stato Islamico: costituzione, leggi, ministeri

Il quotidiano inglese The Guardian è riuscito ad entrare in possesso di…

Avvertimento agghiacciante: State lontani dall’Area 51

L’avvertimento agghiacciante di Bob Lazar, esperto di UFO, di stare lontano assolutamente…