Neuralink: Gli hacker potrebbero aver accesso ai nostri pensieri

Redazione

Le tecnologie migliorano ogni anno e con esse crescono le capacità dei criminali informatici. Non è lontano il giorno in cui una persona collegherà il suo cervello ad un computer.

I ricercatori del Waterford Institute of Technology ritengono che la tecnologia Neuralink di Elon Musk per combinare il cervello umano con un computer renderà una persona ancor più vulnerabile.

Gli sviluppatori affermano che la loro tecnologia garantisce protezione contro la penetrazione di dati riservati da parte di estranei. Tuttavia, all’inizio, gli inventori intendono utilizzare i protocolli di sicurezza utilizzati nella maggior parte dei gadget come gli smartphone.

Gli hacker potrebbero aver accesso ai nostri pensieri

Recentemente è diventato noto che gli hacker possono dare fuoco a smartphone o persino hackerare robot medici da remoto.

Gli analisti ritengono che l’attuazione degli sviluppi di Elon Musk offra opportunità per ottenere l’accesso, ad esempio, ai dati di politici, militari e altre persone. L’intrusione da parte di un intruso può portare alla distorsione o alla distruzione di informazioni importanti.

I pensieri o i ricordi delle persone possono essere cancellati o addirittura modificati. Può anche causare danni fisici a una persona, ad esempio, la scomparsa dei dati sulla salute di una persona renderà impossibile fornirle le cure mediche necessarie.

Next Post

Antartide: Oggetto metallico di 300km sotto i ghiacci

Fino ad oggi, questa parte del pianeta rimane un vero mistero. Ancora oggi molti segreti sono nascosti sotto chilometri di ghiaccio che l’umanità non conosce, quelli dell’Antartide. Il mistero più interessante è ora considerato l’anomalia gravitazionale, che si trova nell’area di Wilkes Land. Quando un satellite della NASA ha sorvolato l’area nel […]
Antartide Oggetto metallico di 300km sotto i ghiacci