New Horizons, Plutone è più vicino

Plutone è più vicino rispetto al passato, tutto questo grazie alla sonda che ci ha inviato le prime foto della superficie, qualcosa di incredibilmente importante e che ci permette di avere una visione sempre più specifica del nostro sistema solare.

La data storica è il 14 luglio alle ore 13:49: la sonda New Horizons ha “abbracciato” Plutone, l’ultimo pianeta del Sistema Solare ancora ignoto all’uomo, e ha inviato le immagini rubate alla Terra, distante qualcosa come 5 miliardi di km di distanza.

La sonda ha raccolto tutta una serie di dati sulla morfologia e l’atmosfera di Plutone e di Caronte nell’arco delle 24 ore in cui ha eseguito il fly-by alla minima distanza possibile prevista dalla missione (12.000 Km circa), ed ora la Nasa ha potuto comunicare le prime scoperte fatte.

Come ha raccontato all’ANSA Fabrizio Capaccioni, dell’Istituto di astrofisica e planetologia dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Iaps-Inaf),  nel bordo inferiore del ‘cuore’ di Plutone ci sono le grandi montagne di ghiaccio alte fino a 3.500 metri e la superficie giovane osservata dalla sonda New Horizons della Nasa durante il sorvolo ravvicinato è l’indizio che sul pianeta nano vi è un’attività vulcanica.

A differenza dei vulcani presenti sulla Terra che eruttano lava, quelli ipotizzati su Plutone eruttano ghiaccio, azoto, metano e monossido di carbonio (criovulcani) ringiovanendo la superficie del pianeta nano.

“La missione ha avuto 9 anni per alimentare le aspettative su cosa avremmo visto nel momento dell’incontro ravvicinato. Oggi abbiamo ottenuto il primo campione di quel tesoro scientifico raccolto durante quei critici momenti, e vi posso dire che supera di gran lunga le aspettative”,  ha dichiarato John Grunsfeld, ex-astronauta attualmente membro del consiglio d’amministrazione delle missioni scientifiche della NASA.

Next Post

I videogiochi appassionano per quasi un miliardo di fatturato

Mentre molti mercati in Italia risentono ancora della lunga crisi economica, così non si può dire per il mercato dei videogiochi, che invece appare in salute e in grande fermento, i videogiochi raccolgono da sempre una grossa fetta del mercato commerciale, nel mondo così come in Italia, ma vediamo nel […]