Noemi si sente bella anche con qualche kg in più

Di ritorno dalle vacanze, la maggior parte delle donne italiane è costretta a fare i conti con i chili di troppo accumulati dopo un mese e passa di stravizi, e non è facile per tutte rimettersi in riga subito o accettare il proprio corpo con curve più morbide.

Se è importante mangiar bene e mantenersi in forma, è anche vero che fondamentale è imparare a convivere coi propri difetti e anche con qualche kg in più, ed è questo il messaggio che ha voluto lanciare la cantante Noemi, che assieme alla notorietà, negli ultimi anni, ha accresciuto anche il girovita, ma senza farne un dramma.

Noemi ha così rilasciato un’intervista a Io Donna, il supplemento del Corriere della Sera. La cantante ha parlato della sua evoluzione caratteriale e del suo rapporto con la forma fisica: “Sono sempre stata battagliera e coraggiosa, ho preso certi muri a 200 all’ora… Poi ho capito che bisogna lasciare scorrere la vita, non fare-fare-fare. Mi ero annullata in questo mestiere e ho sentito il bisogno di mettere una distanza non esclusivamente psicologica: mi sono traferita per un periodo in Inghilterra (…) Mi sono riscoperta. E mi sono liberata dalla sindrome da controllo, che non ha senso: oggi si vive con estrema velocità e si butta via in fretta, non puoi ingabbiare nulla. Meglio un atteggiamento distaccato. Mi guardo con occhi più benevoli: combatto combatto e non arrivano frutti? Bene: significa che non è ancora il momento. Mi perdono i punti deboli, le mancanze”.

E sulla forma attuale, aggiunge: “Negli ultimi tre-quattro anni ho preso qualche chilo. I primi tempi non riuscivo neppure a guardare le mie foto, adesso chissenefrega. Non posso diventare gigante (ne risentirebbe la salute), ma così mi vado bene. Incredibile!”.

Loading...
Potrebbero interessarti

John Lydon, il leader dei Sex Pistols festeggia 60 anni

Negli anni è diventato popolare per la sua voce un po’ sgraziata…

Il Rapper Moreno nella bufera per le accuse di molestie

Visti i precedenti, neanche troppo lontani nel tempo, c’è da temere il…