Nutrizionista spiega: Esistono vari modi per mangiare sano

Redazione

Maria D. Ballesteros Pomar, endocrinologo e specialista Nutrizione dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di León ha messo in guardia, nel corso di una tavola rotonda organizzata nell’ambito del Congresso Nazionale XXXI del Diabete Società Spagnola (SED), che non esistono cibi particolari per curare il diabete e solo un modo per seguire una dieta sana.

Il mangiare sano è diventato un argomento di moda negli ultimi anni, con la conseguenza negativa di essere, ad esempio, oggetto di attenzione da parte dei social network, che hanno trasformato molte persone in influencer che, senza adeguata qualifica, esprimono la loro opinione sui temi della salute in generale e sulla dieta in particolare, che può essere pericoloso per la salute“, ha detto.

Per questo motivo, ha consigliato ai professionisti la responsabilità di fornire messaggi basati su prove scientifiche che sconfessano molti messaggi errati . 

Ed è che, tra i miti e le credenze che stanno diventando più rilevanti ultimamente in relazione alla dieta del diabete, l’esperto ha richiamato l’attenzione sulla tendenza che è passata da diete ponderate ad alto contenuto di carboidrati a diete molto restrittive, la falsa idea che l’uso di dolcificante al posto dello zucchero aiuti a perdere peso o ridurre il rischio di sviluppare il diabete, o la convinzione che sia necessario mangiare una dieta sana fatta di “5 pasti al giorno“.

Nutrizionista spiega Esistono vari modi per mangiare sano

La tendenza principale in quest’area è, come ha avvertito il dottor Ballesteros, trasformare il cibo in “buono” o “cattivo. In questo senso, ad esempio, si cerca periodicamente di promuovere qualche presunto “supercibo” o un “cibo miracoloso“. Nello specifico, come ha evidenziato l’endocrinologo, nel caso del diabete si paventa l’idea che questi alimenti “di per sé” possano curare la malattia, il che è oltraggioso.

Bacche di Goji, grano saraceno, avena o “supercibi” promettono benefici che, in molti casi, non sono sufficientemente dimostrati. In ogni caso, in relazione ai supercibi, il capo del dipartimento di Endocrinologia e Nutrizione della Fondazione Jiménez Díaz (Madrid), Clotilde Vázquez Martínez, ha sottolineato che il termine supercibo (superfood) non deve essere confuso con qualcosa che contiene un rimedio magico, ma piuttosto si tratta di prodotti che un diabetico dovrebbe inserire nei propri menù per il loro alto contenuto di elementi nutritivi scarsi in altri alimenti (calcio, magnesio, fibre, omega 3, vitamine e pre e probiotici).

Tra questi ci sono noci, pesce azzurro, cereali integrali, pomodori o latticini fermentati. Al contrario, ha anche cercato di “demonizzare” alcuni alimenti, come i latticini.

Il latte vaccino non causa il diabete di tipo 1 ed è stato dimostrato che l’assunzione di latticini non solo non aumenta il rischio di diabete di tipo 2, ma lo riduce. È anche un mito che dovremmo scegliere latticini scremati nelle persone con diabete, perché Il consumo di latticini interi può ridurre il rischio di obesità e persino il rischio cardiovascolare “, ha aggiunto lo specialista dell’Ospedale universitario di León.

Tuttavia, e al di sopra di questi miti, ce n’è uno particolarmente diffuso e assunto dalla popolazione generale e che le persone con diabete debbano seguire una dieta speciale, qualcosa che, secondo il dottor Ballesteros, è definita un “super mito” .

Il mangiare sano è diventato la nuova religione e non dovrebbe. Non esiste un unico modo sano di mangiare , ci sono molti modi sani di vivere e non devi scegliere lo stesso schema alimentare per tutti, ma piuttosto adattarlo a le caratteristiche di ogni persona“, ha sottolineato

La dott.ssa Vázquez si è espressa sulla stessa linea, chiarendo che ogni persona con diabete ha delle peculiarità, delle comorbidità presenti e dei rischi da evitare. “È qui che inizia la personalizzazione della dieta in termini non solo di calorie, ma anche di distribuzione di carboidrati, grassi e proteine , quantità di micronutrienti (vitamine e minerali), tipo di carboidrati, proteine ​​e grassi, programma di E tutte queste caratteristiche non sono rigide, ma devono essere adattate alle situazioni di vita, al lavoro, al tempo libero e ad altre circostanze“, ha aggiunto.

Per questo ha sottolineato limportanza di mangiare correttamente richiede l’apprendimento consigliato da specialisti, un metodo flessibile e adattato, e una conoscenza ‘strumentale’ che permette la personalizzazione e l’adattamento giorno per giorno in modo “semplice”.

Dobbiamo evitare il più possibile cibi nocivi, come bibite zuccherate o cibi ultra trasformati ricchi di zuccheri , sale o grassi saturi e, invece, incoraggiare il consumo di frutta e verdura, olio d’oliva, pesce, legumi o yogurt, privilegiando l’assunzione di cibo fresco e di stagione”, ha consigliato Ballesteros.

Allo stesso modo, gli esperti hanno assicurato che il miglior consiglio dietetico per le persone con diabete (e per il resto della popolazione) sia attraverso l’adozione della dieta mediterranea, perché è la più adatta alla nostra cultura ed è associata a un riduzione del rischio di malattie cardiovascolari, cancro, diabete di tipo 2 e malattie degenerative.

E il fatto è che il modello della dieta mediterranea è, senza dubbio, uno dei principali “assiomi” della dieta nel diabete che deve essere sempre seguito. Insieme a questo, Vázquez ha aggiunto altri tre comandamenti: la limitazione dei carboidrati a rapido assorbimento (tranne che nell’ipoglicemia che non poteva essere prevenuta), la restrizione dei grassi saturi e la regolazione calorica per evitare l’aumento del grasso corporeo.

Next Post

Quali alimenti fanno bene alle nostre gengive?

Le gengive costituiscono il tessuto mucoso che protegge la base dei denti e li lega all’osso. Se seguiamo una dieta povera di determinati nutrienti, è più difficile per i tessuti della bocca resistere alle infezioni. Il risultato? Lo sviluppo di una malattia parodontale come la gengivite, che è l’infiammazione della gengiva dovuta all’accumulo di […]
Quali alimenti fanno bene alle nostre gengive