Obesità, Fat but Fit è un mito pericoloso da sfatare

Domani, sabato 20 maggio, l’Associazione Europea per lo studio dell’Obesità EASO ha deciso di lanciare una giornata europea dedicata a questa emergenza, supportata dall’hashtag #EOD2017: nel mondo infatti gli adulti in sovrappeso sono oggi 1,9 miliardi e di questi circa 600 milioni sono obesi.

Rispetto agli anni ’80 la prevalenza è triplicata e si stima che, se obesità e sovrappeso continueranno ad aumentare a una velocità così allarmante, nel 2030 ne soffriranno più della metà dei cittadini europei.

Il dato allarmante, per quanto riguarda la popolazione italiana, è la percezione che ognuno ha di se stesso e della propria forma fisica.

Un’indagine condotta proprio da EASO ha evidenziato come tra la popolazione italiana vi sia un’errata percezione sulla natura, le cause e le cure per contrastare l’obesità.

In termini di percezione, infatti, il 50% degli italiani ritiene che il proprio peso sia normale, mentre il 42% pensa di essere in sovrappeso. Circa il 10% di coloro che si descrivono in salute, è in realtà in sovrappeso; mentre il 18% di coloro che si descrivono in sovrappeso, risulta essere obeso.

Una situazione pericolosa. Infatti, l’obesità causa l’80% dei casi di diabete di tipo 2 e in generale è causa o influisce su oltre trenta diverse condizioni, coronaropatie e ictus, sindrome metabolica, determinati tipi di tumore, apnee nel sonno, osteoartrite, fegato, infertilità e complicazioni della gravidanza, solo per citarne alcune.

Secondo una ricerca presentata all’European Congress on Obesity (Eco), poi, gli obesi ‘metabolicamente sani’ sono più a rischio di eventi cardiovascolari come ictus e insufficienza cardiaca rispetto ai normopeso.

“Per obesi metabolicamente sani – spiegano gli esperti – si intendono persone clinicamente obese per termini di indice di massa corporea (Bmi) ma senza complicanze metaboliche come cattivo controllo glicemico, iperlipidemia, diabete e ipertensione, solitamente associate all’eccesso di peso”.

“La novità di questo studio è che mostra che chi è in sovrappeso o obeso è più a rischio di malattie cardiache, anche se sembra sano su tutti gli altri fronti. Il solo essere sovrappeso aumenta cioè i rischi di avere un infarto o un ictus”, spiega alla Bbc Mike Knapton, della British Heart Foundation.

“Fat but Fit”, così usano dire gli inglesi per indicare le persone obese che tuttavia non mostrano i segni iniziali di malattie cardiache, diabete o colesterolo alto, è quindi un falso mito da sfatare.

I ricercatori spiegano che l’idea che possa esistere un’obesità ‘sana’ è sbagliatissima e per questo bisognerebbe promuovere la perdita di peso nei pazienti obesi: importante dunque svolgere una vita sana e consapevole dei rischi che si corrono in caso di obesità.

Next Post

Gemma Galgani, piovono ancora forti accuse su di lei

È nota ormai a tutto il pubblico televisivo italiano per essere una inguaribile sognatrice, una romantica ingenua che attende ancora il vero amore ad un’età in cui le altre donne si godono l’affetto dei nipoti, ma se in realtà Gemma Galgani, protagonista indiscussa del trono over di Uomini e Donne, […]