Ocean Spirals la città spirale sottomarina

Redazione

Qualcuno l’ha chiamata la nuova Atlantide, in realtà è un progetto avanzato della Shimizu Corporation, un progetto che utilizza la tecnologia di stampa 3D.

La Shimizu Corporation ha sviluppato un progetto di piccola città che può trasformarsi in piccola Atlantide, si chiama , ovvero spirali oceaniche, la tecnologia utilizzata per mettere in atto questo progetto è quella della stampa 3D.

L’idea è quella di sviluppare una piccola città sul livello del mare, ovvero una struttura che da una parte è normalmente poggiata sull’oceano, ma al tempo stesso può ruotare come una spirale fino a ritrovarsi nei fondali oceanici.

Il progetto in pratica utilizza un sistema che permette a questa piccola città, che può ospitare fino a 5mila persone, di ruotare e attraverso delle cupole ovviamente a tenuta stagna, di ritrovarsi sotto il fondale nel caso di catastrofi naturali come terremoti ed altro, il sistema ovviamente è in grado di autogestirsi e di resistere alla pressione dell’oceano.

Next Post

Twitter, svelate le mosse segrete della società con un tweet che diventa pubblico

Clamoroso autogol di Anthony Noto, direttore finanziario di Twitter, che pensava di inviare un tweet privato ma non si è accorto che in realtà era pubblico. Ed il cinguettio svela nuovi piani di acquisizione della società. “Continuo a pensare che dovremmo comprarli. E’ nel vostro programma per il 15 o […]