Paola Perego, lunghi anni a lottare contro il panico

In onda è sempre stata sicura di se, bellissima e quasi altera, ma nel privato Paola Perego ha avuto non pochi problemi, da sempre celati dietro una maschera che indossava non appena andava in diretta.

La brava conduttrice ha deciso di raccontare una parte del suo privato in una bella intervista a Grazia, in cui rivela, tra le tante cose, di aver sofferto per anni di attacchi di panico.

“Quando mi sono separata dal mio primo marito sono rimasta sola con una figlia di 4 anni e un figlio di pochi mesi”, così Paola Perego racconta al settimanale il periodo più buio della sua vita, che risale a vent’anni fa, quando finì il matrimonio con il calciatore Andrea Carnevale che le ha dato due figli, Giulia e Riccardo.

“Per anni il lavoro è stato l’unica cosa che io riuscissi a fare in pubblico. Andavo in onda con l’aiuto dei farmaci che il mio medico mi prescriveva. Lavoravo e poi mi richiudevo in casa. Soffrivo di attacchi di panico e non volevo ammetterlo. Me ne vergognavo, perché mi sembravano una debolezza inaccettabile. Non riuscivo a fare cose banalissime, come guidare”, racconta oggi, che ha appena festeggiato i suoi primi 50 anni.

“Adesso so perfettamente che cosa sono e che cosa voglio essere – continua Perego – La consapevolezza non si raggiunge con l’età. Crescere aiuta, ma non basta per capire chi sei. Io ci sono riuscita dopo molti anni di lavoro su me stessa”.

Qualche anno dopo, quindi, la rinascita, grazie anche al suo agente Lucio Presta, sposato nel 2011 dopo dieci anni di fidanzamento.

Ora alla Perego rimane una sola paura, “l’ansia da nido vuoto”: “I miei figli e quelli di Lucio se ne sono andati. Sono grandi, è giusto così. Ma io sono una mamma chioccia e tempo di rimanere da sola” – conclude Paola.

Loading...
Potrebbero interessarti

Malena, la pornodiva che ha riportato Siffredi sul set

La pugliese Filomena Mastromarino, in arte Malena, si è fatta conoscere dal grande…

Giuliana De Sio provoca spudoratamente Cristina Parodi

Senza entrare nel merito della diatriba, che francamente non è neppure di…