Papa Francesco, garantire acqua e cibo a tutti i popoli del mondo

Papa Francesco è senza dubbio un papa vicino alla sua gente e alle problematiche che soprattutto le popolazioni più povere del mondo sono costrette ad affrontare ogni giorno.

In primis, naturalmente, la mancanza di acqua e cibo: nonostante siamo nel terzo millennio e ci sono popoli come il nostro che ne sprecano a tonnellate ogni giorno, esistono milioni di persone che si ritrovano ancora a morire per malnutrizione e siccità.

Papa Francesco lancia così un monito, ricevendo in udienza i partecipanti alla sessione della Fao, in corso a Roma dal 6 al 13 giugno: “l’accesso al cibo necessario è un diritto di tutti. E i diritti non consentono esclusioni!”.

“Per sfamare il mondo preoccupano giustamente i cambiamenti climatici, ma non possiamo dimenticare la speculazione finanziaria”, ha affermato Papa Bergoglio che chiede alla Fao di “convincerci che i prodotti della terra hanno un valore che possiamo dire ‘sacrò’ perché frutto del lavoro quotidiano di persone, famiglie, comunità, contadini”.

Non manca neppure l’attacco alle multinazionali sul tema dell’acqua: “L’acqua resta simbolo di vita. La Fao dovrebbe aiutare a rivedere i modelli di comportamento mondiali e “garantire oggi e in futuro, che tutti possano accedere all’acqua”.

“Non basta – ha ammonito poi – fare il punto sulla nutrizione nel mondo, anche se aggiornare i dati e’ necessario, perche’ ci mostra la dura realta’. Puo’ certo consolarci sapere che quel miliardo e 200 milioni di affamati del 1992 si e’ ridotto, anche con una popolazione mondiale in crescita. Serve a poco, pero’, prendere atto dei numeri o anche progettare una serie di impegni concreti e di raccomandazioni da applicare alle politiche e agli investimenti, se tralasciamo l’obbligo di debellare la fame e prevenire qualsiasi forma di malnutrizione, in tutto il mondo”.

Next Post

E' diventata mamma la ragazza a cui era stato asportato l'ovaio a 13 anni

“La nascita è stato un momento di estrema felicità. Ero felice per la mia paziente perché temeva di non riuscire ad avere figli. Non avevamo altre scelte per farle avere un bambino. Prima di adesso non sapevamo cosa potesse succedere nei casi in cui il tessuto trapiantato coinvolgeva una ragazza […]