Pensionato suicida per crack banca, aperta indagine per istigazione al suicidio

Redazione

È successo il 28 novembre a Civitavecchia ma se n’è avuta notizia solamente ieri: un pensionato residente nel comune laziale si è tolto la vita impiccandosi nel suo appartamento; le motivazione con cui ha spiegato alla moglie il perché del gesto estremo sono scritte su un bigliettino e sono chiare: l’uomo aveva perso tutti i risparmi di una vita, oltre centomila euro, a causa del crack della banca dove li aveva investiti.

Si tratta della Banca Etruria, filiale in cui è stato applicato il decreto salva-banche: tutte le azioni e le obbligazioni dell’anziano sono state azzerate a seguito di tale provvedimento. Il pensionato si era rivolto anche a varie persone, tra cui i responsabili della banca, ma non aveva avuto risposte; pochi giorni fa, devastato dalla perdita, ha preso la decisione estrema di impiccarsi nel suo appartamento.

Le associazioni dei Consumatori Adusbef e Federconsumatori si sono schierate dalla parte della vittima del decreto salva-banche: queste ultime hanno chiesto alla procura di aprire un’indagine “per istigazione al suicidio e per verificare se il decreto di Bankitalia adottato dal governo sulla risoluzione delle quattro banche sia compatibile con le norme penali e con la Costituzione che all’articolo 47 tutela il risparmio”.

Next Post

Ue accusa Italia: banche vendevano prodotti finanziari inadatti

È partito lo scontro tra l’Italia e L’Unione Europea per quanto riguarda il caso “salva-banche”. Le cinque banche al centro dell’indagine CariChieti, CariFerrara, Cassa Marche e Banca Etruria, indagate per aver venuto alla gente “prodotti finanziari inadatti”: Il commissario Ue ai servizi finanziari Jonathan Hill ha affermato che questo ha […]
Ue banche vendevano prodotti finanziari inadatti