Pillola dei 5 giorni dopo: in farmacia non serve la ricetta

In Italia l’aborto è una pratica legale, eppure la maggior parte dei medici si dichiara obiettore di coscienza e moltissime donne sono costrette, in molte regioni d’Italia, a fare anche diverse centinaia di km per trovare una struttura che accetti di praticare l’interruzione volontaria della gravidanza.

Allo stesso tempo, per chi ha avuto rapporti a rischio, c’è la possibilità di accedere a farmaci che impediscono una eventuale gravidanza, eppure anche attorno a questo argomento c’è tanta, troppa ignoranza: pochi sanno che non occorre neppure l’impegnativa medica per poterli acquistare in farmacia.

Due anni dopo la liberalizzazione della pillola dei 5 giorni dopo, acquistabile in farmacia senza obbligo di ricetta, le donne italiane sono ancora poco informate sulle modalità di accesso: solo 1 su 5 sa che la contraccezione di emergenza (ulipristal acetato) si può acquistare senza ricetta. Mentre l’81% delle italiane vede con favore la possibilità di acquistare la pillola senza ricetta per le maggiorenni, il 79% dichiara di non sapere ancora che l’obbligo è stato tolto.

Questi dati sono emersi da un’indagine condotta da SWG-Health Communication attraverso un questionario a cui hanno risposto 500 donne tra i 18 e i 40 anni, rafforzata da una web discussion condotta all’interno dello stesso segmento di donne.

Che siano o meno consapevoli dell’avvenuta cancellazione dell’obbligo di ricetta per il 50% delle donne è più facile oggi acquistare gli anticoncezionali d’emergenza rispetto agli anni passati.

Ma le donne conoscono le differenze tra la ‘vecchia’ pillola del giorno dopo (Norlevo) e il farmaco di ultima generazione (ellaOne)? Dall’indagine risulta che solo il 17% delle donne italiane dichiara di conoscerle (molto e abbastanza). Quindi solo una ristretta minoranza è informata sulle differenze tra le due generazioni di farmaco.

Emerge quindi la necessità che medici e farmacisti forniscano una maggiore informazione sulle effettive caratteristiche di questi farmaci, ma anche la necessità di “essere accompagnate nell’acquisto con riservatezza, comprensione ed empatia”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Epatite B, un malattia che risale a oltre quattro secoli fa

L’epatite B è una malattia molto contagiosa causata dall’omonimo virus, detto anche HBV,…

Nascite premature, l’etnia non ha nessuna influenza

Per tutta una serie di cause concomitanti, sempre più bambini nascono prematuri,…