Problemi di memoria per chi fa spuntini notturni
Midnight Cake Snacking

Non tutti purtroppo possono vantare un sonno profondo: a tanti capita di svegliarsi nel cuore della notte e, per ingannare il tempo, fare una capatina in cucina e magari nel frigorifero.

Se è universalmente risaputo che la pratica degli spuntini notturni nuoccia alla linea, l’allarme lanciato in queste ore da un gruppo di scienziati mette in evidenza un pericolo ancora maggiore.

Secondo quanto suggerisce uno studio su animali pubblicato sulla rivista eLIFE e condotto da Dawn Loh della University of California, Los Angeles, e i cui risultati potrebbero essere validi anche per le persone, gli spuntini notturni potrebbero danneggiare la memoria oltre che il girovita.

Il team di Loh ha osservato due gruppi di topi, il primo che manteneva i propri ritmi normali, mangiando di notte e dormendo di giorno, mentre al secondo gruppo venivano serviti degli spuntini nella fascia oraria in cui normalmente i topi dormono.

Dallo studio è emerso che gli animali che indulgono in spuntini nelle ore in cui dovrebbero dormire mostrano sensibili defaillance mnemoniche e cognitive. Inoltre presentano anomalie nei livelli di certe proteine coinvolte in apprendimento e memoria.

“Crediamo che gli snack notturni possano influenzare le nostre capacità di apprendimento, colpendo le parti del cervello che sono responsabili dell’apprendimento e della memoria, in particolare l’ippocampo” ha spiegato ad Huffington Post lo stesso dottor Dawn Loh, continuando “Crediamo che l’orario di questi pasti sia la causa principale della ridotta memoria che descriviamo nello studio”.

Nonostante non siano ancora stati testati sull’uomo, secondo lo stesso Loh potrebbero comunque essere validi anche per gli umani.

Loading...
Potrebbero interessarti

Epilessia, approvato un nuovo farmaco a base di cannabis

L’epilessia è una sindrome caratterizzata dalla ripetizione di crisi epilettiche dovute all’iperattività di alcune cellule…

Tabagismo, ecco i luoghi del mondo dove si fuma di più

Il tabagismo è una piaga mondiale: milioni di persone nel mondo fumano…