Profezia Maya: Errore nel calendario Giuliano, ora siamo nel 2012
Profezia Maya Errore nel calendario Giuliano ora siamo nel 2012

Le paure della fine del mondo sono riemerse dopo la condivisione di alcune teorie sul calendario giuliano che è stato utilizzato fino al 1500, avrebbe posto la Terra nell’anno 2012, non nel 2020, il che significa potenzialmente che la previsione del giorno del giudizio dei Maya potrebbe ancora avverarsi.

Il calendario gregoriano fu introdotto da papa Gregorio XIII nel 1582, apportando alcune modifiche al calendario giuliano precedentemente utilizzato, ovvero presupponendo 11 giorni per riflettere accuratamente il tempo impiegato dalla Terra per orbitare attorno al Sole. All’epoca, molti paesi si opposero al nuovo sistema, con i residenti di Londra, ad esempio, che scesero per le strade protestando per avere “indietro gli 11 giorni“. Sebbene siano stati persi solo 11 giorni effettivi, molti hanno analizzato la cifra tecnicamente accumulata negli ultimi 286 anni, affermando in un post su Twitter che: “Dopo il calendario giuliano, siamo tecnicamente nel 2012 “.

Lo scienziato Paolo Tagaloguin ha spiegato nel suo post: “Il numero di giorni persi in un anno a causa del passaggio al calendario gregoriano è di 11 giorni“.

Per 268 anni usando il calendario gregoriano (1752-2020) volte 11 giorni = 2.948 giorni. 2.948 giorni / 365 giorni (all’anno) = otto anni.

Il suo post non è l’unico nel suo genere, ma altri sono stati molto più accurati nel descrivere le loro teorie.

Profezia Maya: Siamo nel 2012?

Un altro ha twittato: “Quando il mondo è passato al calendario gregoriano nel 1700, abbiamo perso circa otto anni. Quindi sì, tecnicamente quest’anno è il 2012.

Un terzo ha dichiarato: “Ricordi quella previsione Maya secondo cui il mondo sarebbe finito il 21 dicembre 2012? Sai che abbiamo perso otto anni quando siamo passati al calendario gregoriano?

E un quarto ha affermato “Quando nel 1752 tutti passarono al calendario gregoriano, persero otto anni, il che significa che tecnicamente il 2020 è il 2012“.

Le paure del giorno del giudizio sono scatenate dall’errato presupposto che il calendario Maya preveda che la fine del mondo avverrà il 21 dicembre 2012 o intorno a tale data.

Questa data è stata considerata come la data di fine di un ciclo lungo 5.126 anni nel calendario del Mesoamerican Long Count e si sono svolte festività il 21 dicembre 2012 per commemorare l’evento nei paesi che facevano parte della civiltà Maya, con eventi a Chichen Itza in Messico e Tikal in Guatemala.

Vari allineamenti astronomici e formule numerologiche sono stati proposti per questa data per segnare la fine del mondo, con scenari che suggeriscono l’arrivo del prossimo massimo solare, un’interazione tra la Terra e un buco nero supermassiccio al centro della galassia, o la collisione della Terra con un mitico pianeta chiamato Nibiru.

Molti hanno anche erroneamente affermato nella loro risposta a questi tweet che l’Etiopia riflette la data corretta secondo il calendario giuliano.

L’Etiopia, un paese privo di poteri coloniali e influenze della Chiesa romana, non fu influenzato da nessuno dei calendari e mantenne il suo calendario originale, sostenendo che Gesù nacque nel 7 a.C.

Come il calendario giuliano, aggiunge un giorno bisestile ogni quattro anni senza eccezioni e inizia l’anno il 29 agosto o il 30 agosto nel calendario giuliano, rendendo oggi il 1 giugno 2012.

Tuttavia, un divario di sette-otto anni tra il calendario etiope e quello gregoriano deriva da un calcolo alternativo nel determinare la data dell’Annunciazione, non a causa dei giorni “persi”.

Se il mondo dovesse tornare al calendario giuliano oggi, la data sarebbe il 25 maggio.

Loading...
Potrebbero interessarti

Laser contro il pilota in fase di atterraggio: è panico

Un puntatore laser utilizzato contro il pilota di un aereo proprio in…

Cina, alla festa di nozze neo sposo mostra video del tradimento della moglie

Non è certo la prima volta che, all’interno delle stesse famiglie si…