Synthol iniettato per diventare braccio di ferro: rischia l’amputazione delle braccia

Diventare una star del web, partecipare a concorsi per body builder, sentirsi il più “pompato” in assoluto, di certo sono tante le motivazioni che hanno spinto un giovane ragazzo russo ad iniettarsi una sostanza denominata Synthol, utilizzata per aumentare e definire muscoli del nostro corpo come i bicipiti o i polpacci, Kirill Tereshin è rimasto soddisfatto, almeno in principio, visto che ha mostrato sui social i risultati, braccia enormi come “braccio di ferro” suo idolo praticamente.

Sono tantissimi nel mondo i giovani con queste ambizioni, e altrettanti sono disposti a scendere a qualsiasi compromesso pur di raggiungere la tanto agognata fama, ma fino a dove è lecito spingersi, “abusando” del proprio corpo e della propria salute?

Per raggiungere il suo scopo, in questo caso il giovane russo ha scelto di assomigliare a Popeye, ovvero Braccio di Ferro, iniettandosi ogni giorno una sostanza fatta in casa che però ora rischia di procurargli gravi problemi di salute.

Nello specifico, il 21enne, un ex soldato, ha ottenuto enormi muscoli grazie all’iniezione di Synthol, una miscela di oli molto pericolosi spesso utilizzata dai culturisti per definire polpacci, bicipiti e quant’altro. I medici però sono stati chiari: se continuerà a iniettarsi quella sostanza nelle braccia rischierà la paralisi o addirittura l’amputazione di entrambi gli arti.

Gli esperti hanno detto che anche se smettesse di iniettarsi quella terribile sostanza, gli effetti continuerebbero a circolare per almeno altri 5-7 anni. Il problema comunque non si pone visto che il ragazzo non ha nessuna intenzione di fermarsi.

Russia, si inietta Synthol e rischia l’amputazione delle braccia

Russia si inietta Synthol e rischia amputazione delle braccia
foto@Instagram

“Molto probabilmente dovrà subire l’amputazione degli arti – ha detto il dottor Evgeny Lilin – A breve si svilupperanno delle infezioni che potrebbero causargli anche un ictus. La cosa brutta è che, anche se dovesse smettere immediatamente di iniettarsi quella sostanza, nei suoi muscoli ne rimarrà traccia per i prossimi cinque-sette anni”.

Il 21enne russo continua a postare su Instagram le foto che ritraggono i suoi grossi muscoli, in un misto tra incoscienza e un delirio incontrollabile di onnipotenza, per ottenere sempre più followers. Al momento è a quota 106.000 ma il numero deve arrivare almeno ad 1 milione.

Noi ricordiamo che il Synthol  è una sostanza inserita all’interno della categoria sostanze dopanti, ma a differenza di tutte le altre non apporta un reale beneficio all’organismo, né aumenta le prestazioni. La sua funzione è quella di gonfiare i muscoli venendo iniettata direttamente in loco.

È una sostanza oleosa composta al 95% da acidi grassi a media catena che il corpo umano non è in grado di assimilare e quindi permane nei muscoli per molto tempo facendoli ingrossare. L’effetto non è immediato, ma richiede di essere iniettato più volte fino al raggiungimento di un livello soddisfacente di grandezza e ispessimento del muscolo.

Essendo un metodo molto invasivo crea un muscolo flaccido e molle, inoltre appare senza vita e perennemente contratto, creando gravi danni alle articolazioni. Gli effetti collaterali sono infezioni, cisti, trombi, paralisi delle fibre muscolari ed ascessi e se la sostanza viene iniettata in vena o in arteria crea emboli che portano all’infarto.

Per di più ha un costo non indifferente: il giovane russo ha dichiarato che per risparmiare se lo è prodotto da solo, creando un mix se possibile probabilmente ancora più nocivo. Questa sostanza fai-da-te gli è costata solo 4000 rubli (l’equivalente di 57 euro) mentre acquistare il vero Synthol lo avrebbe costretto a sborsarne 400.000 (quindi 5700 euro).

Loading...
Potrebbero interessarti

Sindrome da shock tossico, 37enne rischia la vita per un assorbente interno

Paradossalmente si rischia la propria vita ogni giorno, guidando con poca attenzione…

Ansia e depressione aumentano in estate, perché?

In estate aumentano di molto ansia e depressione, vediamo perché. In estate…