Sale consumare giusto quantitativo per vivere a lungo
Sale consumare giusto quantitativo per vivere a lungo

Il consumo di sale potrebbe aggiungere anni alla tua vita. C’è solo un problema: la quantità di sodio che consumiamo da tutti gli alimenti che ci piacciono e da altri trasformati, è maggiore di quella considerata sana. Inoltre, ridurre il sale nei cibi trasformati  che mangiamo potrebbe aiutarci a vivere ancora per molti anni, anche se siamo già sani.

La dieta occidentale è troppo ricca di sodio. Le persone mangiano troppo, e così aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, ictus e cancro allo stomaco“, ha detto Sonya Angelone, dietologa specializzata in nutrizione cardiovascolare ed è la portavoce dei media per l’Accademia di nutrizione, la ricerca suggerisce anche che troppo sale può  influire negativamente sulla salute delle ossa  nelle ragazze e nelle donne in post-menopausa.

Sonya Angelone, che in precedenza aveva presieduto il comitato nutrizionale in quel di San Francisco della American Heart Association, ha affermato che il sale in eccesso è dannoso per il sistema cardiovascolare per due fattori.

Il primo, anche se i suoi effetti variano tra gli individui, troppo sodio può aumentare la pressione sanguigna. “Alcune persone sono sensibili al sodio e non possono mangiare più di 1.500 milligrammi al giorno (equivalenti a meno di tre quarti di cucchiaino di sale), o la loro pressione sanguigna salirà“, ha confermato al dietologa.

Ma anche se non sei sensibile al sodio e sei in buona salute, potresti comunque mettere a rischio la tua salute consumando sale in eccesso, “Un’assunzione elevata di sodio può danneggiare la naturale capacità dei vasi sanguigni di dilatarsi e aumentare il flusso di sangue nei tessuti“, ha detto il dott. Frank Sacks, professore di prevenzione delle malattie cardiovascolari presso il Dipartimento di Nutrizione della Harvard TH Chan School of Public Health.

Si riduce il rivestimento endoteliale sano, ovvero lo strato spesso rivestito da una cellula che riveste le arterie“, ha spiegato Angelone. “Troppo sodio irrigidisce le cellule che rivestono le arterie e impedisce loro di rilasciare l’ossido nitrico, mantenendo le arterie flessibili“. Infatti, più sodio consumiamo, maggiore è il rischio di malattie cardiache, secondo uno studio recente pubblicato sulla rivista Circulation, per ogni 1000 milligrammo di aumento dell’apporto di sodio, il  rischio di malattie cardiovascolari aumenta del 17% .

Alcune persone possono sperimentare gonfiore quando consumano troppo sale, che può contribuire a borse sotto gli occhi, gonfiore al viso e gonfiore delle dita, questo perché il sodio agisce come una spugna nel corpo, assorbendo il liquido. “Più sale nella tua dieta, più fluido e più volume di sangue il tuo cuore deve pompare attraverso le tue arterie“.

Sale consumare giusto quantitativo per vivere a lungo

Sale consumare giusto quantitativo per vivere a lungo

Secondo l’American Heart Association, i nostri corpi hanno bisogno solo di una piccola quantità di sodio che ammonterebbe a meno di 500 milligrammi al giorno, circa l’equivalente di sodio in una mezza tazza di brodo di pollo, per funzionare correttamente. Eppure la maggior parte di noi consuma circa sette volte quella quantità: più di 3.400 milligrammi di sodio al giorno, l’equivalente di oltre 1,5 cucchiaini di sale al giorno.

Le linee guida dietetiche più recenti del  governo degli Stati Uniti  raccomandano che tutti gli individui limitino l’assunzione di sodio a 2.300 milligrammi al giorno, overo la quantità di circa un cucchiaino di sale. Un limite di 1.500 milligrammi al giorno non è più raccomandato per i gruppi ad alto rischio compresi quelli con malattie cardiache, malattie renali e diabete secondo un recente rapporto  dell’Istituto di Medicina, in quanto “la prova di entrambi i benefici e il danno non è abbastanza consistente per indicare che questi sottogruppi sono trattati in modo diverso dalla popolazione generale degli Stati Uniti “, ha spiegato il presidente della commissione, il dott. Brian Strom.

Tuttavia, lo studio sulla circolazione più recentemente pubblicato ha rilevato un progressivo declino degli eventi di malattia cardiovascolare tra quelli con livelli di sodio abbassati, anche di appena 1.500 milligrammi. In effetti, l’American Heart Association raccomanda ancora un limite di non più di 1.500 milligrammi di sodio al giorno per la maggior parte degli adulti.

Diversi studi hanno chiaramente dimostrato che una riduzione dell’apporto di sodio a 1.500 milligrammi fa diminuire la pressione sanguigna più che abbassare il sodio a 2.500 – 3.000 milligrammi“, ha detto Sacks, che fa anche parte della task force per la riduzione del sodio dell’American Heart Association ed è un portavoce dell’associazione. “Questo è particolarmente importante nelle persone che hanno un rischio maggiore di attacchi cardiaci e ictus, quelli che hanno più di 60 anni e quelli con ipertensione“.

Sebbene ricerche recenti abbiano suggerito che livelli molto bassi di sodio potrebbero causare danni, “quegli studi che confermano danni a bassi livelli di assunzione sono fondamentalmente difettosi“, ha affermato il dott. Lawrence J. Appel, autore dello studio e direttore del Welch Centro di prevenzione, epidemiologia e ricerca clinica presso la Johns Hopkins Medical Institutions.

Se raggiungere le attuali raccomandazioni per l’assunzione di sodio non è una motivazione sufficiente per l’industria alimentare, i risultati di  uno studio  pubblicato questo mese sulla rivista PLOS Medicine potrebbero esserlo. Secondo lo studio di Jonathan Pearson-Stuttard dell’Imperial College di Londra, l’adesione agli obiettivi della FDA “impedirebbe 450.000 casi di malattie cardiovascolari e 83.000 morti per un periodo di 20 anni“.

Redazione

La redazione di veb.it si occupa di fornire agli utenti delle news sempre aggiornate, dal gossip al mondo tech, passando per la cronaca e le notizie di salute. I contenuti scritti da più autori contemporaneamente vengono pubblicati su Veb.it a firma della redazione.

Potrebbero interessarti

Il segreto per una lunga vita è racchiuso in una proteina

L’invecchiamento è un processo che non è ancora completamente compreso dagli scienziati,…

Epidurale, OMS: ne hanno diritto tutte le donne

L’anestesia epidurale o peridurale è una modalità di anestesia loco-regionale che prevede la somministrazione di farmaci anestetici…

Gb, uno studio rivela: i gatti non soffrono se lasciati soli

Una notizia che, se letta con superficialità, può far storcere il naso…

Stress idrico, allarme per oltre 30 paesi

Da diversi anni ormai, il problema della siccità  e della mancanza di…