Scie bianche degli aerei: sono scie chimiche?

Redazione

Quando in cielo passa un aereo, non è raro vedere delle strisce di colore bianco che sembrano quasi seguire la coda del veicolo, e che spariscono dopo qualche istante.

Negli anni i complottisti hanno lavorato molto di fantasia ed hanno dato vita alla celeberrima teoria delle scie chimiche: le scie sarebbero sostanze chimiche rilasciate tra le nuvole da misteriosi aeroplani per avvelenare l’aria e provocare, addirittura, genocidi.

E una ricerca su scala internazionale eseguita nel 2011 ha scoperto come ben il 17% della popolazione creda all’esistenza di programmi segreti di irrorazione su larga scala per scopi di ingegneria climatica e di gestione e riduzione della radiazione solare.

Ma in realtà di cosa si tratta?

La risposta è tanto semplice quanto elementare: si tratta di scie di condensazione e si creano grazie al contrasto fra l’aria fredda e rarefatta dell’alta quota e lo scarico del velivolo, molto caldo: proprio il contatto fra gas di scarico caldo e atmosfera fredda trasforma il vapore acqueo dello scarico in ghiaccio.

La persistenza e l’espansione di tali scie dipende invece dalla presenza di sufficiente umidità alla quota di volo.

Next Post

Matteo Salvini inizia la guerra ai negozi di Cannabis?

Che Matteo Salvini, leader della lega e ministro dell’Interno, sia uno che persegue le sue idee fino alla fine, anche a costo di mettersi contro tutto e tutti, non lo si può certo negare, e quindi faranno bene a preoccuparsi i negozi che, da nord a sud dello stivale, vengono […]