Scienza conferma: Nel DNA umano esiste la telepatia

Redazione

Gli scienziati hanno scoperto che i DNA hanno la capacità di collegarsi tra loro, anche a distanza.

Una ricerca pubblicata dal Journal of Physical Chemistry B dell’ACS , mostra che senza dubbio il DNA a doppio filamento intatto ha l’inspiegabile capacità di riconoscere somiglianze in altri DNA a distanza, e può quindi riunirsi insieme senza toccarsi fisicamente.

Scienza conferma Nel DNA umano esiste la telepatia

Il riconoscimento da parte del DNA di un’altra sequenza chimica simile lascia gli scienziati perplessi. Gli scienziati hanno precedentemente creduto che altre molecole, segnali chimici o determinate proteine ​​dovessero essere presenti affinché ciò si verificasse, ma nei loro recenti esperimenti nessuno di questi fattori era presente quando si è verificato il fenomeno.

Nessuno sa o inizia a capire come i filamenti di DNA stiano comunicando tra loro, ma gli eventi “telepatici” stanno causando molto scalpore e un senso di stupore e stupore in alcuni circoli scientifici.

Secondo gli autori dell’articolo apparso sull’ACS’ Journal, Geoff S. Baldwin, Sergey Leikin, John M. Seddon e Alexi A. Kornyshev e i loro college,

Sorprendentemente, le forze responsabili del riconoscimento della sequenza possono raggiungere più di un nanometro di acqua che separa le superfici del DNA più vicino“.

Le implicazioni di questa inspiegabile comunicazione tra i doppi filamenti di DNA sono enormi. Scientificamente, questo effetto di riconoscimento potrebbe aiutare ad aumentare l’accuratezza e l’efficienza della ricombinazione omologa dei geni.

Questo è il processo responsabile della riparazione, dell’evoluzione e della diversità genetica del DNA.

Questa nuova scoperta potrebbe cambiare il modo in cui gli scienziati considerano i modi per evitare errori di ricombinazione che sono fattori di cancro, invecchiamento e altri problemi di salute.

fonte@Anomalien.com

Next Post

Cerere un asteroide che accoglie vita aliena?

Studiando le fotografie di Cerere negli archivi del JPL, il famoso ricercatore Scott Waring, ha scoperto un oggetto alieno fermo sulla base di un vulcano. Secondo Waring, l’UFO ha una dimensione di circa 1-3 km, ovvero il 20% dell’intero cratere. Crede che i bordi alti del cratere proteggano il dispositivo […]
Cerere un asteroide che accoglie vita aliena