Scienziati ammettono: Galassie collegate da ponti

Redazione

Negli ultimi anni, l’esplorazione dello spazio ha fatto passi da gigante. Si è scoperto che le galassie sono interconnesse da strutture nascoste. Nella nuova mappa dell’universo locale, questi “ponti” nascosti sono già indicati, riporta Phys.

La mappa, realizzata con l’apprendimento automatico, potrebbe anche far luce sull’influenza della materia oscura nell’evoluzione del nostro universo, hanno affermato gli scienziati partecipanti in una dichiarazione della Pennsylvania State University.

La materia oscura rappresenta circa l’80% della materia nell’universo, ma, insieme all’energia oscura, è poco conosciuta. La materia oscura è invisibile nelle lunghezze d’onda della luce, quindi non può essere vista con i telescopi. Tuttavia, gli scienziati possono tracciare l’influenza della gravità della materia oscura su grandi strutture cosmiche, come le galassie.

Scienziati ammettono Galassie collegate da ponti

“Poiché la materia oscura domina le dinamiche dell’universo, determina sostanzialmente il nostro destino”, ha affermato nella dichiarazione il coautore dello studio Donghui Jeong, professore associato di astronomia e astrofisica presso la Penn State.

Possiamo chiedere ad un computer di far evolvere la mappa per miliardi di anni per vedere cosa accadrà nell’universo locale. E possiamo far evolvere il modello indietro nel tempo per comprendere la storia del nostro vicinato cosmico“.

Qualunque sia la materia oscura, i suoi effetti sono rilevabili nelle forze gravitazionali che permeano l’universo. Tuttavia, mappare una forza gravitazionale invisibile non è facile.

In genere, i ricercatori lo fanno eseguendo grandi simulazioni al computer, a partire da un modello dell’universo primordiale e avanzando rapidamente attraverso miliardi di anni di espansione ed evoluzione della materia visibile, riempiendo gli spazi gravitazionali per capire dove si trovava la materia oscura e dove si trovava. dovrebbe essere oggi.

Ciò richiede una grande potenza di calcolo e una notevole quantità di tempo, ha affermato Jeong.

Avere una mappa locale della rete cosmica apre un nuovo capitolo dello studio cosmologico”, ha detto Jeong. “Possiamo studiare come la distribuzione della materia oscura si collega ad altri dati sulle emissioni, che ci aiuteranno a capire la natura della materia oscura. E possiamo studiare direttamente queste strutture filamentose, questi ponti nascosti tra le galassie“.

Ad esempio, è stato suggerito che le galassie della Via Lattea e di Andromeda potrebbero muoversi lentamente l’una verso l’altra, ma non è chiaro se possano scontrarsi in molti miliardi di anni. Lo studio dei filamenti di materia oscura che collegano le due galassie potrebbe fornire importanti spunti sul loro futuro.

Next Post

Ossigeno in aumento, si verifica con estinzione di massa

La più grande estinzione nella storia della Terra si è verificata duecentocinquantadue milioni di anni fa, segnando la fine del periodo Permiano. Durante questo periodo, la maggior parte della vita sul pianeta si estinse improvvisamente. Gli scienziati della Florida State University hanno scoperto inaspettatamente che l’estinzione di massa sulla Terra […]
Ossigeno in aumento si verifica con estinzione di massa