Scienziato dichiara: La morte non esiste è un reset

Redazione

Qualsiasi essere vivente su questa terra ha un ciclo di vita, la domanda eterna è sempre stata quella legata alla morte dunque, cos’è la morte e soprattutto cosa succede dopo la morte.

Il cristianesimo e altre religioni parlano della vita eterna in paradiso o all’inferno e il buddismo offre la teoria della reincarnazione. Gli esperti hanno deciso di guardare alla morte da un punto di vista scientifico.

Secondo l’assunto, dopo la morte, una persona può spostarsi in un altro spazio-tempo. L’argomento dei loop temporali è molto popolare tra gli scrittori di fantascienza, ma cosa succede se realmente non fosse così lontano dalla finzione?

Forse una persona ha una nuova vita in un diverso spazio-tempo o il defunto viene trasferito in un momento in cui la morte è stata evitata.

Scienziato dichiara La morte non esiste un reset

Robert Lanz dell’Astellas Global Regenerative Medicine (Institute of Regenerative Medicine) ritiene che la morte non sia la fine dell’esistenza, ma solo un reset quantico. La coscienza umana si sposta in un altro punto nello spazio-tempo alternativo.

La nostra coscienza crea un’immagine che prendiamo dall’Universo. La teoria afferma anche che il tempo e lo spazio non sono misurabili. Questi sono solo concetti creati dall’uomo per memorizzare le informazioni.

Secondo Lanz, la coscienza è l’energia che lascia il corpo dopo la morte. Questo processo si chiama biocentrismo, ne ha parlato Albert Einstein. Il grande scienziato ha affermato che l’energia non può essere creata o distrutta, si trasforma semplicemente in un’altra forma.

Lanza ha concluso che la reincarnazione non è del tutto sbagliato. La coscienza di ogni persona è presente nell’Universo. La coscienza genera tempo: una persona può facilmente prendere il passato o il futuro per il presente, creare un nuovo quadro di riferimento. La morte è un riavvio che apre nuove possibilità.

Finora, il mondo scientifico non può spiegare l’essenza stessa della coscienza: cos’è e dove si trova. Gli esperti hanno ancora molte domande a cui rispondere.

Next Post

Il covid-19 esisteva già nel 2012, le prove degli scienziati

Gli scienziati hanno trovato segni di Covid-19 già otto anni fa. Il coronavirus potrebbe essersi adattato al corpo umano in Cina già dal 2012. Una nuova versione dell’infezione è stata mostrata dal virologo Jonathan Latham e dalla biologa Allison Wilson, secondo quanto riportato da The Sun. Il virologo Jonathan Latham […]
Il covid-19 esisteva gia nel 2012 le prove degli scienziati