Sciopero della scuola, contro il ddl di Renzi
sciopero-del-5-maggio-contro-il-ddl

Oggi martedì cinque maggio è stato indetto uno sciopero da parte di tutte le associazioni sindacali che per la prima volta si muovono contro il decreto della Buona Scuola voluto da Matteo Renzi.

Dal 2007 i sindacati non si muovevano insieme per contestare una legge. Cinque i maggiori sindacati, Flc-Cgil, Cis e Uil Scuola, Snals, Gilda e Cobas.

Migliaia le persone che stanno manifestando oggi 5 maggio 2015 contro il ddl di Matteo Renzi.

Questa data è molto importante per le speranze dei precari di tutt’Italia, per le famiglie e gli studenti che hanno voluto scendere nelle piazze e far sentire il proprio dissenso.

A Roma uno dei cortei principali si è mosso da piazza della Repubblica per manifestare contro la riforma della scuola proposta da Renzi. La testa del corteo è a Santa Susanna, dove ci sono i leader sindacati come il segretario della Uil, Carmelo Barbagallo.

Gli insegnanti con i Cobas hanno percorso un tratto di viale Trastevere, dove c’è la sede del Ministero dell’Istruzione.

I Cobas hanno messo in atto un sit-in davanti al Miur con tanti striscioni.

Altre proteste a Milano, Aosta, Catania, Palermo, Bari e Genova. Il 6 e il 12 maggio è indetto un nuovo sciopero contro l’Invalsi che si tengono alle scuole elementari e nelle superiori.

I punti che contestati nel ddl:

potenziamento del ruolo del dirigente scolastico, o come abbiamo sentito spesso dire il preside sceriffo che potrà assumere direttamente i docenti. I docenti faranno parte di un albo.

Si sciopera anche contro il taglio di risorse per la scuola pubblica, e contro il finanziamento alla scuola privata, e contro le agevolazioni fiscali per le famiglie che iscrivono i propri figli in una scuola paritaria.

L’assunzioni dei precari arriverà a centomila docenti che saranno immessi in ruolo dal Governo. Contestato anche il Miur e l’Invalsi.

Loading...
Potrebbero interessarti

Francia, in auto non si parla al cellulare nemmeno con le cuffie

Nuove regole in arrivo in Francia, dove per scongiurare molti incidenti causati…

Reggio Calabria, tabaccaia uccisa da cliente che perdeva alle slot

Chi decide di giocare d’azzardo sa bene che si può vincere così…