Scoperta un’antica struttura dei Crociati, proteggeva Israele

Redazione

In Israele, gli archeologi hanno scoperto i resti di una struttura d’assedio dell’epoca delle Crociate, che alla fine si trasformò in una diga e per un intero millennio proteggendo in modo affidabile la città di Ashkelon dall ‘”attacco” delle dune di sabbia.

L’edizione Haaretz ha parlato della straordinaria scoperta archeologica. Il fatto è che gli archeologi hanno scoperto un’antica struttura ingegneristica che è stata in bella vista per secoli.

Scoperta antica struttura dei Crociati proteggeva Israele

La scoperta è stata segnalata dall’archeologo Raphael Lewis dell’Università di Haifa. Ha attirato l’attenzione su un’enorme diga situata alla periferia dell’antica città di Ashkelon in Israele. Per molti anni è stata considerata naturale.

Grazie a questa diga, il deserto non può inghiottire la città, sebbene le dune di sabbia stiano cercando di strisciarvi sopra. Una nuova ricerca ha dimostrato che la diga “naturale” è in realtà una struttura artificiale. Secondo Lewis, questa struttura era un muro d’assedio costruito nei secoli XII o XIII.

Ciò probabilmente accadde durante uno degli assedi che questa città portuale subì ripetutamente durante le Crociate. Secondo i ricercatori, molto probabilmente, questa imponente struttura è stata eretta dai crociati. Ma ammettono che avrebbe potuto essere utilizzato, oltre che completato e ricostruito dalle truppe musulmane, perché la città passava di mano in mano.

Ad un certo punto nel tempo, questo progetto ha perso il suo significato, ma nessuno si è preso la briga di demolirlo. Come si è scoperto, di questa struttura ne ha solo beneficiato la città. Il muro d’assedio alla fine si trasformò in una potente barriera artificiale contro la desertificazione. Si è così scoperto in fin dei conti che una struttura esclusivamente militare per quasi un millennio, è stata utilizzata per scopi pacifici.

Il lavoro di Lewis si è basato sui risultati delle indagini sul campo dell’area, effettuate nel 2010-2013, e sull’analisi delle fotografie aeree degli anni ’40.

Stavo cercando di capire come si è formato il paesaggio agricolo di Ashkelon, – dice il ricercatore. – Sono rimasto davvero sbalordito quando ho visto fotografie aeree e mi sono reso conto che c’era qualche anomalia in questo paesaggio, che bloccava il movimento delle sabbie.

L’anomalia aveva destato così tanto l’interesse dello scienziato, che iniziò a studiare il periodo delle Crociate. Ashkelon era una fiorente città portuale all’epoca. Per millenni è stata la porta d’accesso al Levante meridionale.

Si ritiene che questa città sia stata costruita dai Cananei durante la media età del bronzo, circa 4000 anni fa. Furono i primi a erigere strutture difensive: questi erano i bastioni a forma di lettera “D“, rivolti verso una linea verticale lungo la costa. L’arco era girato verso l’interno.

Questi bastioni cananei formavano il centro della città e servirono per millenni. Furono restaurati e rafforzati da molti popoli successivi, tra cui Filistei, Romani e Bizantini. E circa mille anni fa, musulmani e crociati iniziarono a ricostruire queste strutture.

L’analisi ha mostrato che le sabbie sono state fermate dal bastione d’assedio. Lewis ha stimato che la sua lunghezza fosse di circa 200 metri e la sua altezza variava da otto a dieci metri. Se lo si guarda da una prospettiva a volo d’uccello, si può vedere che a sud di questa struttura l’intero spazio è ricoperto di dune, e a nord ci sono terre fertili e verdi.

Questa struttura fu eretta sotto forma di una rampa gigante, lungo la quale si potevano arrotolare torri d’assedio e arieti fino alle mura della città. Tali strutture non sono affatto insolite per Israele. La più famosa di queste è la “rampa” di Masada, che alcuni studiosi ritengono possa essere stata costruita dai romani durante la prima rivolta ebraica nel 73 d.C.

Next Post

Coronavirus: Ancora una variante, questa volta in Thailandia

Nonostante la somiglianza con le attuali mutazioni del coronavirus, i ricercatori garantiscono che questa segnalata in Thailandia, non viene trasmessa dagli animali all’uomo. Scienziati della Chulalongkorn University di Bangkok hanno scoperto un nuovo tipo di coronavirus in pipistrelli catturati in una grotta nella Thailandia orientale. Chiamato RacCS203, il virus condivide il […]
Coronavirus Ancora una variante questa volta in Thailandia