Scoperto un granchio di 100 milioni di anni fa

Redazione

Gli scienziati hanno scoperto un minuscolo granchio lungo appena cinque millimetri, intrappolato nell’ambra circa 100 milioni di anni fa.

Al momento risulta essere il granchio più antico mai trovato, che viveva al tempo dei dinosauri in una zona boscosa del sud-est asiatico.

Solitamente nell’ambra, che deriva dalla resina degli alberi, i paleontologi trovano intrappolati piccoli animali, principalmente insetti.

Ricercatori provenienti da Stati Uniti, Cina, Canada e altri paesi, guidati da Javier Luque del Dipartimento di biologia organica ed evolutiva dell’Università di Harvard, che ha pubblicato la rivista Science Advances, hanno descritto il granchio ben conservato.

“Questo è il fossile di granchio più completo mai scoperto. Non gli manca un solo capello. Anche se è così piccolo, siamo riusciti a vedere molti dettagli“, ha detto Luque.

La scoperta del fossile getta nuova luce sull’evoluzione dei granchi e sulla loro diffusione sulla Terra. I primi fossili di granchio di mare risalgono ad almeno 200 milioni di anni.

Fossili non marini precedentemente scarsi e mal conservati avevano portato gli scienziati a stimare che i primi granchi non marini arrivarono a terra da 50 a 75 milioni di anni fa.

Scoperto un granchio di 100 milioni di anni fa

Nuova scoperta che retrodata questi fossili

Ma la nuova scoperta porta questo sviluppo molto indietro nel tempo, almeno 100 milioni di anni fa.

Si stima che almeno 12 volte diverse specie di granchi si siano evolute indipendentemente per vivere al di fuori del loro precedente ambiente marino, conquistando la terra.

Oggi i granchi sono ovunque, dalle profondità degli oceani e delle barriere coralline alle spiagge, ai fiumi, alle grotte e persino agli alberi.

È una delle poche specie di animali che sono riuscite a conquistare il mare, l’acqua dolce e la terra. Le loro branchie si sono evolute per includere tessuti come i polmoni, che hanno permesso loro di respirare sia dentro che fuori dall’acqua.

Il nuovo fossile, chiamato “Cretapsara athanata” ospitato nel Longyin Amber Museum nello Yunnan cinese, è stato trovato in una giungla nel nord del Myanmar nel 2015, ma solo di recente è stato ampiamente studiato dagli scienziati.

Tra l’altro, si è scoperto che aveva solo branchie ben sviluppate, quindi probabilmente era un granchio d’acqua dolce, ma probabilmente feceva brevi viaggi a terra, dove ad un certo punto è rimasto intrappolato nell’ambra.

fonte: ΑΠΕ – ΜΠΕ

Next Post

Etanolamina nello spazio, risposta all'origine della vita

La presenza di etanolamina può finalmente fornire una risposta all’origine della vita. Attraverso l’uso di radiotelescopi possiamo scoprire molecole in aree remote dell’universo. Qualsiasi onda può interagire con atomi e molecole per causare in essi determinati cambiamenti, a seconda dell’energia dell’onda in questione. Un gruppo di studio ha utilizzato i […]
Etanolamina nello spazio risposta origine della vita