Sensitivo aveva previsto il coronavirus nel 2018

Redazione

Nicolas Aujula nel 2018, ha avuto visioni riguardo ad un’epidemia di influenza derivante da animali che avrebbe colpito il mondo e afferma di aver “sentito un senso di tristezza” quando ha saputo del coronavirus COVID-19 e si è reso conto che si stava avverando.

Il sensitivo, che afferma di aver predetto la pandemia COVID-19 del coronavirus, ha confermato di aver “sentito un senso di tristezza” quando ha sentito le prime notizie dell’epidemia in Cina.

Nicolas Aujula, residente nel sud di Londra, afferma di aver avuto la prima visione di un disastro influenzale in tutto il mondo nel 2018.

Crede che il coronavirus potrebbe essere l’inizio della fine del mondo, ma non crede che lo sarà nella sua vita.

Nicolas Aujula il sensitivo che ha predetto il coronavirus.

Parlando con il portale Mirror Online, ha dichiarato: “Queste visioni sono arrivate alla fine del 2018 Ricordo di essere stato a conoscenza di un virus come un focolaio che avrebbe colpito il mondo, ero consapevole che proveniva da animali da allevamento e ho visto che le parole” influenza “mi venivano in mente chiare come il giorno“.

Queste parole mi sono sempre rimaste impresse perché non è una parola del mio vocabolario quotidiano. Mesi dopo, a marzo, ho avuto la stessa visione durante un sogno che mi ha fatto sentire a disagio al risveglio“.

Quindi quando il coronavirus ha iniziato a colpire le prime persone in Cina alla fine del 2019, è stato allora che mi è tornato tutto in mente. Quando hai queste visioni è solo un pensiero, un’immagine momentanea, poi prosegui con la vita di tutti i giorni“.

È solo quando vedi che succede tutto intorno a te, ti rendi conto dell’impatto e della realtà di come sta influenzando la vita delle persone. Ho sentito un senso di oscurità nel rendermi conto di ciò che stava accadendo in Cina, poiché sapevo solo che si sarebbe diffuso a livello globale che non sarebbe stato contenuto in Cina.

Il sensitivo rivela che è necessario fare di più per contenere la diffusione.

Nicolas ha dichiarato: “Il governo deve intensificare le sue azioni per fermare la diffusione del virus in quanto sono i vecchi e i più vulnerabili a essere maggiormente a rischio“.

Fino ad ottobre può essere un vero punto di non ritorno, quindi il peggio deve venire, aspettarsi restrizioni che influenzano la nostra vita quotidiana, le imprese soffriranno e l’economia si fermerà, il sistema sanitario nazionale crollerà“.

Ciò che sta accadendo potrebbe anche portare alla perdita di fiducia e un cambiamento dei governi. Le persone moriranno, ma potremmo imparare da questo, è importante lavorare insieme e altri paesi piuttosto che essere separati“.

Ai miei occhi non c’è morte su cui l’anima sopravvive oltre il fisico, quindi è la paura della morte che è davvero la radice del panico e della paura.

Nicolas ha anche visioni della fine del mondo, ma crede che sia ancora molto lontana.

Ma crede che l’epidemia di coronavirus combinata con i cambiamenti climatici potrebbe essere il punto di partenza.

Next Post

GF VIP, scontro duro tra Teresanna e Sossio

Al Grande Fratello Vip volano stracci: qual è la novità direte voi? Effettivamente sono giorni che nella casa più spiata d’Italia si va avanti a liti e scontri, nonostante anche ai concorrenti sia stato comunicato che la situazione fuori è terribile e migliaia di persone stanno perdendo la vita a […]
GF VIP scontro duro tra Teresanna e Sossio