Scienziati hanno scoperto dei geni che si attivano dopo la morte

Redazione

Secondo alcuni scienziati, la morte non può essere definita come il processo di interruzione della vita di un organismo.

I ricercatori hanno scoperto che ci sono geni dormienti nel corpo umano che possono essere attivati ​​diverse ore o addirittura giorni dopo la morte. Tuttavia, perché e come ciò accade rimane un mistero.

Non sappiamo davvero nulla di ciò che accade quando muori“, afferma Peter Noble, ex professore all’Università dell’Alabama.

Un gene è un insieme di istruzioni chimiche create dal DNA che indicano al corpo come lavorare. Quando un gene viene attivato, le istruzioni chimiche vengono trascritte dal nostro RNA e le cellule umane iniziano a utilizzare questa sequenza copiata come struttura per la costruzione di molecole complesse.

Noble e colleghi dell’Università di Washington hanno testato una tecnica per misurare l’attività dei geni.

Quali geni si attivano dopo la morte?

Hanno usato i tessuti del pesce zebra, gli scienziati si aspettavano una costante riduzione delle nuove copie di geni che si verifica quando l’attività cellulare diminuisce. Tuttavia, hanno notato che circa l’1% dei geni ha preso vita, come se le cellule si stessero preparando a costruire qualcosa.

Gli scienziati hanno attribuito questo all’errore dei dispositivi, ma ripetuti esperimenti hanno confermato una teoria impossibile: i geni sono diventati attivi diverse ore o addirittura giorni dopo la morte del corpo.

Più tardi, un gruppo di ricercatori guidati da Roderick Guigo del Centro di regolazione genomica di Barcellona ha scoperto l’attività genica postuma nell’uomo.

Gli autori dello studio hanno concluso che la morte è un processo più sottile di quanto si pensasse in precedenza. Ciò non significa che tutti i miliardi di cellule del corpo smettano di funzionare all’istante.

I ricercatori non possono nominare il motivo per cui i geni vengono attivati ​​dopo la morte.

Next Post

Sensitivo aveva previsto il coronavirus nel 2018

Nicolas Aujula nel 2018, ha avuto visioni riguardo ad un’epidemia di influenza derivante da animali che avrebbe colpito il mondo e afferma di aver “sentito un senso di tristezza” quando ha saputo del coronavirus COVID-19 e si è reso conto che si stava avverando. Il sensitivo, che afferma di aver […]
Sensitivo aveva previsto il coronavirus nel 2018