Smartphone a tavola, aumenta il rischio di disturbi alimentari

Una volta il pranzo o la cena erano dei veri e propri riti familiari: tutti i componenti della famiglia si riunivano attorno al tavolo, per condividere i pasti ma soprattutto la giornata passata ognuno impegnato nelle proprie attività.

Oggi invece, a casa come al ristorante, è consuetudine vedere grandi e piccini, con la testa china, assorti dallo schermo del proprio smartphone: chattare e far ricerche, leggere e scrivere con amici lontani, dimenticandi chi sta di fronte.

Se non è un’abitudine educata, non è nemmeno salutare, in primis per gli adolescenti: la cosiddetta ‘dipendenza da internet’ che induce all’utilizzo costante e continuativo dei mobile device, smartphone in testa, anche a tavola, porta a un minore livello di consapevolezza nell’alimentazione, causato dall’essere pienamente immersi in un’altra attività e un peggioramento delle relazioni interpersonali.

A lanciare l’allarme è il Dott. Guido Orsi nell’ambito del workshop “Nuove tecnologie e rischi di disturbi dell’alimentazione” organizzato dal Ministero della Salute ad Expo per riflettere con gli studenti su tali temi.

“I dispositivo portatili – spiega Orsi – inducono un abbassamento della consapevolezza di cosa e quanto si mangia. Spesso i giovani sono talmente immersi e dipendenti dal mondo digitale che si dimenticano di ciò che c’è nel piatto o consumano ‘junk food’ a ripetizione. Ecco che aumenta il rischio dell’obesità e dei disordini alimentari”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Sindrome da shock tossico, 37enne rischia la vita per un assorbente interno

Paradossalmente si rischia la propria vita ogni giorno, guidando con poca attenzione…

Morte di Charlie Card, Eugenia Roccella parla di eutanasia di Stato

Eugenia Roccella dice che Charlie Gard è morto per eutanasia di Stato.…