Smartphone che si autodistruggono per arginare l’inquinamento elettronico

L’allarme ormai è arrivato da più ricerche, che sono unanime nel concordare che i nostri tanto amati smartphone, tanto utili quanto facilmente obsoleti e quindi velocemente rottamati, vadano a creare una mole enorme di rifiuti elettronici, che al momento non vengono riciclati a dovere, andando ad aggravare l’inquinamento ambientale.

Solo nel 2014, stando ai dati dell’Onu, sono stati prodotti circa 41,8 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici, e per arginare questo nocivo fenomeno gli scienziati dell’Università dell’Illinois hanno messo a punto dispositivi che si autodistruggono, sia con comando a distanza sia grazie all’uso di segnali radio o calore come input.

Gli studiosi, guidati dal professore di ingegneria aerospaziale Scott R. White, hanno in pratica messo appunto un innesco radiocomandato in grado di attivare a distanza l’autodistruzione su richiesta.

“Abbiamo dimostrato che l’elettronica c’è quando ne abbiamo bisogno e sparisce quando non ci serve più”, ha detto White. “Questo è un modo per creare la sostenibilità nei materiali che vengono utilizzati dall’elettronica moderna. È stato il nostro primo tentativo di utilizzare uno stimolo ambientale per innescare la distruzione”.

Lo studio è stato pubblicato su Advanced Materials e può essere considerato un ulteriore e innovativo passo in avanti per la riduzione dell’inquinamento elettronico e una produzione più sostenibile.

Next Post

Blair si dimette da inviato del Quartetto del Medio Oriente

Tony Blair ha annunciato che alla fine di giugno si dimetterà dall’incarico di inviato speciale per il Medio Oriente del Quartetto composto da Stati Uniti, Russia, Nazioni Unite e Unione europea. Blair aveva assunto l’incarico dopo aver lasciato Downing street nel 2007. Ora ha già scritto a Ban Ki-moon, il […]