Solo per il weekend, un frustrato a Milano

Eleonora Gitto

E’ diretto da Gianfranco Gaioni – alias Director Kobayashi – il film “Solo per il weekend” uscito nelle sale italiane il 7 luglio2016.

Siamo in una Milano un po’ grottesca in cui le immagini sembrano quasi da fumetto.

In quest’ambientazione che fra fa il pop, lo psichedelico e l’assurdo, si svolge la storia di Aldo Broggi, il nostro copywriter frustato.

Aldo lavora in un’azienda pubblicitaria alle dipendenze del solito capo isterico e autoritario.

Umiliato e mortificato continuamente sul lavoro, si sente un inetto perché non riesce a portare a termine il libro che ha sempre sognato di vedere pubblicato.

E’ inevitabile per Aldo diventare depresso e nevrotico. Risultato? Perde il lavoro e lo obbligano a ricorrere a psicofarmaci che hanno effetti allucinogeni.

Da qui comincia una parabola discendente che sembra inarrestabile. La moglie Diana, stanca delle “allucinazioni” del marito, lo molla lasciandolo in compagnia delle sue alzate di testa e delle sue pillole colorate.

Per Aldo uno spiraglio di luce si intravede quando incontra Ferruccio, un suo ex compagno di scuola.

Con Ferruccio, Aldo trascorre un solo weekend in cui succede di tutto: da esilaranti di riti esoterici, a truffe, a improbabili incontri con prostitute e perfino omicidi.

Nel cast Alessandro Roja, Stefano Fresi,Francesca Inaudi, Marina Rocco, Matilde Gioli, Walter Leonardi e Pia Engleberth.

La sceneggiatura è di Giacomo Berdini e Gianfranco Gaioni, la produzione di Director Kobayashi e Indiana Production Company, mentre la distribuzione è affidata alla Universal Pictures.

Next Post

David Bowie, Bologna gli rende omaggio

La sua prematura morte non ne ha certo spento fama e successo, anzi, ha fatto di lui un mito che rimarrà per sempre nella storia della musica mondiale, e come tale la sua memoria e i suoi principali successi vanno celebrati come meritano. ‘David Bowie Is’ è la prima, colossale, […]