Stonehenge, finalmente scoperto il perchè di questa costruzione

Redazione

Stonehenge potrebbe aver funzionato in modo simile al calendario solare utilizzato nell’antico Egitto, basato su un anno di 365,25 giorni.

Inoltre, ciascuna delle pietre del cosiddetto grande cerchio sarsen rappresentava un giorno del mese di 30 giorni. Ora sono rimasti 17 blocchi verticali di sarsen e una volta ce n’erano 30.

La nuova teoria è stata pubblicata sulla rivista Antiquity.

L’idea che Stonehenge fungesse da calendario per gli antichi proprietari terrieri esiste da molto tempo: si basa principalmente sulla coincidenza del suo asse di simmetria principale con la linea lungo la quale viaggia la luce solare durante i solstizi d’estate e d’inverno.

Tuttavia, i dettagli su come funzionava esattamente l’intero sistema di calendario non erano chiari.

Stonehenge finalmente scoperto il perche di questa costruzione

L’autore del nuovo articolo, il ricercatore britannico Tim Darvill della Bournemouth University, ritiene che gli antichi costruttori, che hanno permesso di tracciare i giorni e i mesi dell’anno sui megaliti, lo abbiano costruito contemporaneamente secondo l’esatto progetto preliminare, poiché la maggior parte delle pietre di sarsen sono state estratte nello stesso luogo a 25 km da questo sito stesso e collocate a Stonehenge all’incirca nello stesso periodo.

L’idea di un calendario composto da cicli di 30 giorni con un ulteriore mese “intercalare” di cinque giorni può sembrare insolita al momento attuale, ma è apparso ripetutamente nella storia della terra ed è stato incarnato in vari luoghi, anche nell’Antico Egitto dal 2700 aC circa In questo periodo stavano emergendo anche altri calendari solari simili nel Mediterraneo orientale.

Questi esempi hanno portato Darvill a credere che i cinque triliti centrali a Stonehenge potessero significare una celebrazione di metà inverno di cinque giorni, un’idea rafforzata dal fatto che la pietra più alta del monumento, parte di uno dei triliti, indica l’alba nel solstizio d’inverno.

Le somiglianze tra Stonehenge e gli antichi calendari egizi suggeriscono che un tale sistema di calendario potrebbe provenire da lontano e recenti ritrovamenti archeologici suggeriscono che i viaggi a lunga distanza e l’istituzione di rotte commerciali transcontinentali non erano impossibili a quei tempi.

L’analisi isotopica della sepoltura di un nobile arciere di Amesbury, situato a 5 km da Stonehenge, ha mostrato che alcuni manufatti provenivano da terre lontane.

Tuttavia, il sistema del calendario di Stonehenge potrebbe essere sorto in modo completamente indipendente, senza alcuna partecipazione degli egiziani.

fonte@esoreiter

Next Post

Vivere in un grattacielo può avere ripercussioni sulla nostra salute

Secondo i medici, una lunga permanenza in edifici quali i grattacieli, può influire negativamente sul sistema cardiovascolare. I medici russi hanno definito pericoloso per la salute vivere nei grattacieli. La scelta di tale alloggio può influire negativamente sul sistema cardiovascolare, sul funzionamento degli organi interni o persino provocare disturbi mentali. […]
Vivere in un grattacielo puo avere ripercussioni sulla nostra salute