Sulla luna strane anomalie magnetiche rilevate

Redazione

Nel 2018, gli astronomi della NASA hanno scoperto le prime prove di ghiaccio d’acqua sulla Luna.

Nascosto per milioni di anni sul fondo dei crateri lunari, il ghiaccio è stato preservato, non toccato dai raggi del sole.

Precedenti analisi della superficie lunare hanno mostrato alcune riserve di ghiaccio ai poli nord e sud.

I ricercatori hanno notato differenze nella distribuzione del ghiaccio al polo nord e al polo sud: il ghiaccio al polo sud era concentrato in alcuni crateri al centro, mentre il ghiaccio al polo nord era più sparso e distribuito su un’area più ampia.

Sulla luna strane anomalie magnetiche rilevate

Le chiazze di ghiaccio lunari potrebbero fornire agli scienziati preziosi indizi sulla composizione e l’attività della luna e di altri corpi ghiacciati nel sistema solare, affermano gli scienziati.

Il ghiaccio sulla Luna potrebbe anche essere una risorsa importante per i viaggi nello spazio, ad esempio, trasformarlo in carburante per razzi potrebbe migliorare le future missioni nello spazio profondo.

Nel processo di ricerca dell’acqua, gli scienziati hanno dovuto affrontare un altro mistero.

Nonostante il fatto che i crateri polari siano protetti dalla luce solare diretta, non sono affatto protetti dal vento solare, dalle onde di particelle cariche.

Questo vento ionizzato è altamente erosivo e avrebbe dovuto rompere il ghiaccio molto tempo fa“, ha affermato Paul Lucy, scienziato planetario dell’Università delle Hawaii.

A differenza della Terra, la Luna non ha uno scudo magnetico per proteggerla dalle particelle cariche.

Gli scienziati dell’Università dell’Arizona hanno presentato una mappa delle regioni anomale al Polo Sud della Luna, dove sono presenti campi magnetici insolitamente forti.

Queste anomalie furono scoperte per la prima volta durante le missioni Apollo 15 e 16 negli anni ’70, secondo la NASA. Queste macchie sono i resti dell’antico scudo magnetico della luna, che probabilmente è scomparso miliardi di anni fa.

Le anomalie magnetiche sono sovrapposte da numerosi grandi crateri polari che sono in ombra permanente e possono contenere antichi depositi di ghiaccio.

Queste anomalie potrebbero fungere da piccoli scudi magnetici che proteggono il ghiaccio d’acqua lunare dal costante bombardamento del vento solare, affermano i ricercatori.

Sulla mappa risultante, i ricercatori hanno visto che le anomalie magnetiche erano sovrapposte da almeno due crateri Shoemaker e Sverdrup permanentemente in ombra al Polo Sud della Luna.

Sebbene queste anomalie abbiano solo una frazione della forza del campo magnetico terrestre, sono in grado di “deviare in modo significativo il bombardamento ionico”, affermano i ricercatori.

Next Post

Nel 1600 ci fu il contatto UFO più importante della storia

Gli storici stanno studiando un caso UFO di 350 anni che rimane un mistero fino ad oggi. L’incidente ebbe luogo nel pomeriggio dell’8 aprile 1665 verso le 14 quando un gruppo di pescatori ancorato vicino a Barhoff fu testimone di quelle che descrissero come “navi nel cielo” impegnate in battaglia. […]
Nel 1600 ci fu il contatto UFO piu importante della storia