Sviluppato un magnete più potente del campo magnetico della terra

Redazione

La General Atomics ha completato l’assemblaggio di un potente magnete, uno dei componenti principali del reattore termonucleare internazionale ITER, la cui costruzione è stata ufficialmente avviata in Francia lo scorso anno. Lo ha annunciato martedì il servizio stampa del progetto ITER.

Sviluppato un magnete piu potente del campo magnetico della terra
foto@Flickr

Il solenoide centrale ITER è il più grande magnete da utilizzare in un prototipo di centrale termonucleare. Si compone di sei moduli, la cui massa totale è di circa mille tonnellate, e l’altezza e la larghezza sono 18 e 4,2 metri.

Secondo le attuali stime degli ingegneri americani, il magnete che hanno creato è in grado di generare campi con una potenza di 13 Tesla, che è circa 300 mila volte maggiore della forza del campo magnetico terrestre.

Il progetto ITER è stato creato sulla base di un accordo internazionale tra Cina, UE, India, Giappone, Repubblica di Corea, Russia e Stati Uniti. Il reattore si basa sull’installazione tokamak sviluppata da scienziati sovietici e russi, considerata il dispositivo più promettente per la fusione termonucleare controllata. L’obiettivo del progetto è dimostrare che l’energia termonucleare può essere utilizzata su scala industriale.

In termini di scala, ITER può essere paragonato a progetti come la Stazione Spaziale Internazionale e il Large Hadron Collider. La parte russa è stata incaricata di produrre e fornire 25 sistemi ad alta tecnologia per la futura installazione, alcuni dei quali sono già stati consegnati alla Francia. Si prevede che l’assemblaggio di tutti questi componenti sarà completato entro il 2025.

fonte@Esoreiter

Next Post

Le piante possono pensare e hanno ricordi

Le piante sono in grado di ricordare le informazioni e reagire ad esse, grazie a un sistema di comunicazione interno che può essere paragonato a un sistema nervoso centrale negli animali, secondo un nuovo studio di un biologo polacco. Le piante “ricordano” le informazioni sulla luce e un certo tipo […]
Le piante possono pensare e hanno ricordi