Termovalorizzatori, è scontro tra Salvini e Di Maio

Da quando hanno creato l’attuale governo di coalizione, Matteo Salvini e Luigi di Maio, leader rispettivamente di Lega e Movimento 5Stelle, si sono trovati molte volte in disaccordo, nonostante un contratto di governo siglato minuziosamente.

Dopo aver rischiato la rottura a causa dell’abolizione della prescrizione, ora tocca all’emergenza rifiuti: i due ministri, infatti, hanno idee completamente divergenti su come risolvere la questione.

Per Salvini la soluzione è semplice: un termovalorizzatore per ogni provincia. “In Lombardia ci sono 13 termovalorizzatori che non inquinano, ma producono energia: chi dice solo dei ‘No’ provoca roghi tossici e malattie”, ha spiegato il ministro dell’Interno.

In particolare Salvini ne ha sottolineato la necessità al sud: “In Campania è a rischio la salute dei cittadini come in nessun altra Regione italiana, e io anche se non sono Ministro dell’Ambiente e della Salute mi preoccupo e mi arrabbio da padre di famiglia”.

Pronta però la replica del vicempremier Luigi Di Maio su Facebook: “Quando si viene in Campania e si parla di terra dei fuochi si dovrebbero tener presenti la storia e le difficoltà di questo popolo.

La terra dei fuochi è un disastro legato ai rifiuti industriali (provenienti da tutta Italia) non a quelli domestici. Quindi gli inceneritori non c’entrano una beneamata ceppa e tra l’altro non sono nel contratto di Governo”

Potrebbero interessarti

Annamaria Franzoni rischia di tornare in cella

Potrebbero di nuovo aprirsi le porte del carcere per la mamma di…

Raffaele Cantone contro le spese legali dell’Atac

Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Anticorruzione, chiede conto delle spese legali dell’Atac fra…