Tipi di dermatite: cause e rimedi per contrastare l’infiammazione della pelle

Redazione

La dermatite è una comune malattia della pelle causata da una risposta naturale del nostro organismo: l’infiammazione. In pratica, quando il nostro corpo entra a contatto con qualcosa che lo infastidisce risponde infiammando una o più parti e creando, in alcuni casi, proprio una dermatite.

Neonati e bambini, che hanno il sistema immunitario in via di sviluppo, sono più tendenti a presentare dermatiti di vario tipo, ma un recente studio a livello mondiale ha evidenziato che le persone che soffrono di dermatite raggiungono il 10% degli over 18.

Esistono svariati tipi di dermatite, ma tutte sono causate dalla reazione della pelle ad allergeni o sostanze irritanti. I sintomi più evidenti sono la pelle arrossata e pruriginosa che, in alcuni casi, può anche trasformarsi in vescica e fare pus.

Benché non siano ancora chiare le vere cause delle malattie della pelle, compresa la dermatite, la scienza sa che quasi sicuramente c’è una predisposizione genetica e, infatti, tende ad essere una condizione ereditaria.

Oggi giorno inoltre si sospetta che la causa principale della dermatite negli adulti sia il sistema immunitario che per qualche motivo si è indebolito (nei bambini come abbiamo detto è in fase di sviluppo). Tale indebolimento scatena la dermatite nel momento in cui alcuni agenti irritanti si presentano e l’organismo non riesce a difendersi – quindi si ‘sfoga’ in dermatite.

Nella dermatite da contatto per esempio, si ha una reazione cutanea nel momento in cui la pelle entra in diretto contatto con una sostanza considerata irritante per l’organismo o un allergene. La dermatite è la risposta immunitaria che porta una quasi immediata reazione cutanea. Gli agenti irritanti più comuni sono i detersivi, i saponi, il nichel, i profumi, i cosmetici, ecc…

La dermatite erpetiforme è uno dei sintomi della malattia celiaca, ossia l’allergia al glutine che si trova in grano, segale e altri cereali. Oltre a essere particolarmente pruriginosa, la dermatite erpetiforme si caratterizza per delle vescicole che si formano sulla pelle e che provocano anche dolore.

La dermatite atopica, che è conosciuta anche come eczema, si verifica soprattutto quando l’organismo è sensibile ad alcuni alimenti o fattori ambientali. In generale non si presenta nell’immediato, ma dopo un po’ dall’assunzione o dall’esposizione all’allergene o al fattore ambientale che scatena la reazione. Possono arrivare a scatenare la dermatite atopica alimenti come frutta secca, latte, uova, pesce, ecc…

La dermatite da stasi si verifica quando c’è un’insufficienza venosa cronica che provoca un’infiammazione locale e necrosi cellulare. I suoi sintomi principali sono il prurito, la desquamazione e l’iperpigmentazione, ma può sfociare in ulcerazione cutanea.

Infine, un’altra condizione che colpisce le aree della pelle come il viso, il naso e l’esterno delle orecchie è la dermatite seborroica. Anche in questo caso non se ne conoscono le cause, ma spesso viene provocata da un particolare lievito, la Malassezia che è presente nelle secrezioni oleose.

In realtà esistono anche altri tipi di dermatite, ma quelle citate sono sicuramente le più comuni.

Il principale rimedio ‘diretto’ alla dermatite di qualsiasi tipo sia, sono i trattamenti cortisonici orali o locali (o entrambi). I recenti studi inoltre, indicano come particolarmente utile al trattamento locale degli eczemi l’olio di CBD, usato non solo in caso di dermatite, ma anche per la psoriasi.

L’eliminazione dell’agente irritante fa parte della terapia e la medicina funzionale oggi giorno cerca di contrastare il problema all’origine della dermatite, ossia l’indebolimento del sistema immunitario. Riuscire a rinforzare la flora batterica dovrebbe far parte di una cura per qualsiasi tipo di malattia, comprese quelle cutanee. Il fatto che sempre più persone abbiano dermatiti dovrebbe fare riflettere sul tipo di alimentazione e di vita che stiano conducendo al giorno d’oggi.

foto@Astrid Gast / 123RF

Next Post

Mangiare Sushi: come riconoscere se il pesce è fresco

Sushi, e più in generale tutta la cucina nipponica, è tra i trend più duraturi di sempre. Ma come riconoscere se il pesce è fresco? Ecco che ritorna alle cronache la questione del Sushi giapponese, e di conseguenza del pesce fresco. Recentemente un uomo sudcoreano ha subito l’amputazione di una […]
Mangiare Sushi come riconoscere se il pesce fresco