Tre episodi strani sulla Luna: prove o solo teorie?

Dal finto sbarco sulla Luna alla possibilità che in realtà ci siano arrivati prima i russi, fino alle false missioni attorno al nostro satellite.

Gli atterraggi sulla Luna della Nasa sono dei falsi, sono ancora tantissimi i teorici che si rifiutano di credere a questa “messa in scena” e continuano ad esaminare prove su prove.

A 50 anni da quando Neil Armstrong e il suo equipaggio dell’Apollo 11 hanno messo piede sulla luna, vengono fuori tre principali teorie con relativi video, selezioni dal magazine DailyStar.

D’altronde un recente sondaggio YouGov ha anche scoperto che uno su sei adulti solo nel Regno Unito crede che l’ atterraggio sulla luna sia stato una bufala.

La prima teoria alla base della cospirazione è che la NASA ha filmato l’atterraggio dell’Apollo 11 da uno studio cinematografico sulla Terra.

Quindi, quando lo scorso anno è emerso un filmato apparentemente “trapelato” di una troupe cinematografica che registrava quello che sembrava essere un paesaggio lunare, tutto sembrava virare verso il “falso d’autore”.

Il video affermava di provenire dal “piano di taglio del dipartimento di montaggio cinematografico della società di produzione cinematografica del, segnato tra il 1966 e il 1972“.

Nella clip, si vedevano troupe cinematografiche che installavano telecamere su una superficie che sembrava identica all’esterno bianco della luna. Quì era visibile poi un astronauta mentre pianta la bandiera americana nel terreno, accompagnato dalle grida di un regista che urla “pronti e azione“.

Il filmato mostrava anche Armstrong, Buzz Aldrin e Michael Collins che camminavano verso l’Apollo 11 con una voce dietro la telecamera che gridava “pronti, azione“.

Centinaia di persone si sono riversate sulla sezione commenti della clip, dopo che è stata pubblicata su YouTube da J Decasby, con molti che non sono stati in grado di sfatare il “filmato mai visto prima“.

Altra teoria è che l’Unione Sovietica abbia in realtà battuto gli Stati Uniti nella corsa alla Luna.

Una teoria meno discussa sull’atterraggio sulla luna è che l’Unione Sovietica abbia battuto la NASA nel 1969.

È risaputo che i nemici della guerra fredda degli Stati Uniti furono i primi a sbarcare con un modulo lunare e riportarono indietro le prime immagini della superficie.

Ma gli Stati Uniti hanno sempre insistito sul fatto che Armstrong e Aldrin furono i primi a mettere piede sulla luna.

Eppure i filmati del 2017 hanno affermato di confutare la catena ufficiale di eventi.

Il video presumibilmente mostrava che i cosmonauti sovietici uscivano dal loro veicolo spaziale e piantavano una bandiera sovietica.

Gli esperti, tuttavia, mettono in dubbio il filmato.

La terza teoria sulle finte missioni è legata ad un riflesso di un astronauta che “sfida la fisica dello spazio”.

Due mesi prima che l’Apollo 11 atterrasse sulla luna, un altro veicolo spaziale fu inviato in orbita attorno alla superficie, era l’Apollo 10.

È diventata la quarta missione con equipaggio nel programma Apollo e, come il suo famoso parente, ha trasmesso immagini della superficie lunare sulla Terra.

In un video pubblicato l’anno scorso  però, sembra mostrare un riflesso di un astronauta sul vetro della capsula.

L’autore del caricamento ha affermato che la figura poteva essere vista camminare avanti e indietro, invece di mostrare l’assenza di gravità che dovrebbe essere visibile nello spazio.

Chiamato in causa l’esperto Bart Sibrel, si è espresso semplicemente dicendo: “Le riprese di Apollo 10 sono in realtà molto difficili da interpretare“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Allarme ghiacciai: il “gigante” dei Forni spaccato in tre

Il 2015 sarà ricordato per il gran caldo che non ha messo…

Belen Rodriguez, in auto con Santiago senza cintura e seggiolino

Belen Rodriguez proprio non riesce a tener lontane da sé le polemiche…