Trento, Shoah: Memowalk per non dimenticare

Eleonora Gitto

Memowalk, camminare per ricordare: questa l’iniziativa organizzata a Trento in occasione della Giornata della Memoria.

Memowalk è il progetto aperto alla cittadinanza e alle scuole promosso da Deina Trentino Alto Adige e Arci del Trentino.

All’iniziativa hanno aderito un centinaio di persone che hanno passeggiato per le vie di Trento per non dimenticare il giorno in cui i carri armati dell’esercito sovietico sfondarono i cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, nell’attuale Polonia. Era il 27 gennaio 1945.

Nello stesso giorno ogni anno in tutto il mondo si celebra il Giorno della Memoria per ricordare le vittime dell’Olocausto perché, come ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la cerimonia di commemorazione al Quirinale: “Rammentare e onorare – com’è bene fare – i tanti giusti, le tante azioni eroiche non cancella, tuttavia, le colpe di chi, anche in Italia, si fece complice dei carnefici per paura, fanatismo o interesse”.

Così Piazza Dante, la Portela, Piazza Pasi, Via Manci, Torre Littoria, Piazza Venezia, Villa Triste, e il carcere di via Pilati a Trento sono diventate le tappe del Memowalk.

Oltre ai cento cittadini che hanno visitato questi luoghi durante la mattinata, anche 180 ragazzi/e del progetto Promemoria_Auschwitz.eu nel pomeriggio hanno invaso le strade del capoluogo trentino.

La camminata nei luoghi della memoria di Trento che furono teatro dei fatti della seconda guerra mondiale è stata audio-guidata

Ad accompagnare i giovani l’assessore alle politiche giovanili Sara Ferrari.

“Aver deciso di partecipare a questo percorso – ha detto l’assessore – è stata una scelta consapevole e volontaria e sono convinta che sia compito della Provincia continuare a sostenere progetti come Promemoria_Auschwitz.eu in quanto abbiamo bisogno che le nuove generazioni diventino testimoni consapevoli del passato”.

Next Post

Don Bruno Fasani “consiglia” di evitare l’Abruzzo

Se il suo voleva essere un modo per incentivare il turismo verso la sua regione, non solo ha fallito ma si è reso protagonista di una caduta di stile che, soprattutto in questo momento, francamente poteva essere evitata. In queste ore si è scatenata la bufera su Don Bruno Fasani, prete, […]