Un’antica tavoletta potrebbe confermare la verità sull’arca di Noè

Redazione

Nuove prove archeologiche con collegamenti al Libro della Genesi della Bibbia, potrebbero finalmente portare i ricercatori all’Arca di Noè alla verità.

Il Libro della Genesi della Bibbia racconta un’avvincente storia del giudizio di Dio sull’umanità e della Sua volontà di dare all’umanità un nuovo inizio. 

Quando gli uomini contaminarono la creazione di Dio con il peccato, Egli istruì Noè per costruire un’arca gigante che avrebbe protetto lui e tutti gli animali terrestri da un diluvio. Una volta finito il diluvio, non solo Noè salvò se stesso e la sua famiglia, ma stabilì un nuovo patto con Dio in cui promise di non spazzare via mai più la Terra con simili inondazioni. Ma cosa accadde all’arca di Noè dopo il diluvio?

Secondo Genesi 8: 3-4, il grande diluvio terminò dopo 150 giorni, dopodiché l’arca si fermò “sui monti di Ararat”.

Questo passaggio ha affascinato esploratori e archeologi per decenni poiché l’Ararat è un vulcano dormiente in Turchia.

E sebbene molti credano che il diluvio non sia mai avvenuto e che Noè non fosse una persona reale, alcuni esperti sono convinti che ci siano ampie prove a sostegno della narrativa biblica.

antica tavoletta potrebbe confermare la verita su arca di Noe

In particolare, Tom Meyer, un professore di studi biblici come Shasta Bible College e Graduate School in California, negli Stati Uniti, ritiene che alcuni indizi potrebbero portare alla scoperta dell’arca.

Il professor Meyer ha dichiarato al magazine Express.co.uk quanto segue:

I racconti epici e non biblici del diluvio del Vicino Oriente antico hanno qualche somiglianza con il racconto del diluvio di Noè nella Bibbia. C’è, tuttavia, per gli archeologi una differenza principale tra queste versioni: i resoconti non biblici danno diversi luoghi di approdo per l’arca nelle loro interpretazioni del racconto dell’inondazione come Pir Omar Gudrun nel Kurdistan iracheno e la catena montuosa Zagros in Iran, ma la Bibbia indica che l’arca è approdata sui monti di Ararat“.

Una recente risoluzione di un antico enigma da parte di Irving Finkel, Assistente custode delle antiche lingue mesopotamiche al British Museum, confermerebbe la versione biblica dello sbarco dell’arca sul Monte Ararat“.

Secondo l’analisi delle prove del dottor Finkel, il professor Meyer ritiene che il luogo di riposo finale dell’arca sia descritto in una tavoletta babilonese di 2.700 anni.

La cosiddetta tavoletta dell’Arca di Simmonds del 1700 a.C. contiene 60 righe di testo in cuneiforme – un’antica scrittura usata nel Vicino Oriente – che descrive l’antica storia babilonese del diluvio.

In questa storia, un uomo di nome Atra-hasis viene a sapere di un complotto divino per inondare la Terra e costruisce un’arca circolare per sopravvivere al diluvio.

La storia ha sorprendenti somiglianze con la storia di Noè e dopo che la tavoletta è stata presentata al British Museum, il dottor Irving l’ha definita un’incredibile scoperta.

Ha dichiarato: “Ho scoperto che una linea della nuova tavoletta era citata sulla nostra famosa tavoletta Mappa del mondo, che mostrava dove la storia babilonese credeva che fosse atterrato l’Arca“.

Ho anche avuto modo di affrontare altre domande che mi pongo da anni: come funziona davvero la scrittura cuneiforme? Com’erano veramente gli antichi babilonesi?

Secondo il professor Meyer, il contenuto della tavoletta concorda con il racconto biblico dello sbarco dell’arca sul monte Ararat vicino al confine orientale moderno della Turchia, anche se descrivono una storia diversa.

Il professor Meyer ha detto: “Il termine ebraico ‘Ararat’ è generalmente inteso per designare una regione dell’odierna Turchia orientale che un tempo era il regno di un popolo dell’età del ferro noto come Urartiani, il cui nome derivava dalla catena montuosa dell’Ararat in quella regione“.

A differenza degli altri luoghi di approdo menzionati in tradizioni non bibliche di inondazioni, è stato solo il Monte Ararat che gli archeologi e le spedizioni hanno esplorato seriamente“.

Anche se non ci sono state conferme delle prove fisiche recuperate dalla montagna – è stato affermato che travi di legno sono state trovate sul lato occidentale della montagna nel ghiacciaio Parrot – né c’è stata conferma della testimonianza del testimone oculare di un pastore locale che ha giurato di aver visto una grande struttura in legno sullo stesso lato occidentale della montagna, la verifica offerta dalla tavoletta dell’Arca di Simmonds non sorprende gli studiosi della Bibbia

In questo caso, la tavoletta dell’Arca di Simmonds, in collaborazione con la prima mappa del mondo conosciuta, dimostra che le basi bibliche dell’antica credenza che l’Arca di Noè stia ancora aspettando di essere scoperta sul Monte Ararat nella Turchia orientale è vera e accurata.”

Naturalmente, non tutti gli esperti concordano con la teoria in quanto non sono mai state scoperte prove concrete dell’arca.

Kenneth Feder, professore di archeologia presso la Central Connecticut State University, ha affermato: “Poiché la storia dell’inondazione stessa non è supportata da alcuna prova archeologica, non sorprende che non ci siano prove archeologiche dell’esistenza di una barca incredibilmente grande risalente a 5.000 anni fa. fa.

Il dottor Lorence G Collins, professore in pensione di geologia presso la California State University di Northridge, ha anche sfidato la narrativa delle inondazioni da una prospettiva geologica.

Spiegando “Sono tante le ragioni per cui l’inondazione mondiale di Noè non è mai avvenuta“, ha sostenuto che i depositi sedimentari in luoghi come il Grand Canyon, così come i reperti fossili in tutto il mondo, non mostrano alcuna prova di tale inondazione.

Ha detto: “Le scogliere bianche di Dover sulla costa orientale dell’Inghilterra sono costituite da strati di gesso, spessi fino a 350 piedi, che sono composti da coccoliti fossilizzati (una specie di alghe), e questi strati hanno la stessa età delle rocce sedimentarie che sovrastano gigantesche arenarie a strati incrociati nel Parco nazionale di Zion. Pertanto, presumibilmente furono anche depositate dal diluvio di Noè “.

Ma i coccoliti sono molto piccoli e hanno cloroplasti che richiedono luce solare e devono galleggiare vicino alla superficie dell’oceano per ottenere energia dal sole“.

Per questo motivo, tutti loro non avrebbero potuto vivere contemporaneamente a una profondità di 350 piedi nell’unico anno in cui si dice che si sia verificata l’alluvione, perché molti organismi nell’acqua nello stesso momento sarebbero morti. il sole da organismi al di sotto della superficie vicina “.

Next Post

Affermazione: Esperimento del CERN dimostra esistenza di Dio

Gli scienziati del CERN hanno dimostrato l’esistenza di Dio quando hanno osservato per la prima volta il decadimento ultra raro della cosiddetta “particella di Dio“, lo ha annunciato un cristiano evangelista. Il CERN o The European Organization for Nuclear Research ospita il più grande acceleratore di particelle del mondo, il […]
Affermazione Esperimento del CERN dimostra esistenza di Dio