Vaccinazioni solo per i bambini? No, ecco i vaccini per gli adulti

Eleonora Gitto

Ma i vaccini sono solo per i bambini? Niente affatto, ecco le vaccinazioni per gli adulti.

Forse perché spesso associamo l’idea dei vaccini a quella dei bambini, ci dimentichiamo che il sistema delle vaccinazioni, ovvero la profilassi, esiste ed è diffuso in molte parti del mondo anche per le persone adulte. Ovviamente.

E questo innanzitutto per evitare la diffusione di epidemie nei Paesi a rischio. Ma non solo. Anche qui in Italia ci sono delle proposte di legge, in particolare quella del deputato Pd Federico Gelli, dirette all’obbligatorietà di alcune vaccinazioni sia per gli operatori sanitari sia per quelli scolastici.

E’ bene ricordare, nel frattempo, quelle che attualmente sono le vaccinazioni obbligatorie riservate ad alcune categorie di lavoratori.

Ad esempio la vaccinazione antitetanica è obbligatoria per gli stradini, i minatori, gli sterratori, gli operatori ecologici, i metalmeccanici, i lavoratori agricoli, gli sportivi affiliati al Coni.

Per le reclute, al momento dell’arruolamento, sono invece indispensabili le vaccinazioni antimeningococcica, antidiftotetanica, antitifica, antimorbillo, antiparotite, antirosolia.

Poi vi sono alcune vaccinazioni particolari per medici e operatori sanitari, come l’antitubercolare e altre. Le varie leggi regionali inoltre possono disporre l’obbligatorietà dell’antitifica.

Esistono poi evidentemente le controindicazioni come nei casi di malattie acute, di gravi disordini immunitari, di soggetti affetti da disturbi neurologici, di reazioni avverse alla prima somministrazione.

Poi, di là degli specifici casi riguardanti determinate categorie di lavoratori particolarmente esposte a rischi, esiste un problema a carattere sociale generale che riguarda la protezione delle persone anziane e quelle sofferenti di malattie croniche.

Per esempio il vaccino contro l’influenza è raccomandato alle persone che hanno superato i 65 anni di età, ma anche ai malati cronici sofferenti di problemi cardiovascolari, broncopolmonari, renali, e così via.

Ma questo tipo di vaccino è raccomandato pure agli addetti a servizi di pubblica utilità, o comunque a persone a contatto costante col pubblico.

Anche la vaccinazione contro lo pneumococco è consigliata per persone sopra i 65 anni di età, o che abbiano le patologie che abbiamo descritto sopra.

Infine la vaccinazione antitifica, antimalarica, per l’epatite virale di tipo A e B, antipoliomielitica, antitetanica, antirabbica, contro la febbre gialla, sono consigliate per i viaggiatori, abituali o meno, che si recano in determinate zone a rischio del pianeta.

Insomma, i vaccini servono sovente anche per gli adulti, e anche quelli consigliati, in determinate occasioni possono essere veramente utili. Quelli obbligatori vanno fatti e basta, perché così impongono la legge e il buon senso.

Next Post

Lady Gaga al limite: ha bisogno di una pausa

Per lei è stato un anno a dir poco intenso, costellato da tanti successi e riconoscimenti, ma anche senza un minuto di stop, tra live e promozioni varie, ed a quanto pare corpo e mente ne stanno risentendo. E così, assolutamente a sorpresa, Lady Gaga ha stupito i suoi fans […]