Zuccheri e alcol, è l’ormone FGF21 che regola la voglia

Si chiama FGF21 ed è l’ormone che regola la nostra voglia di rompere una dieta e in generale di lasciarsi andare a cibi e bevande non proprio indicati per il nostro organismo, come possibile regolare questo “piacere” provocato proprio dall’ormone?

Se è vero che durante le festività natalizie, spesso e volentieri, la dieta la si mette da parte, è anche vero che non bisogna eccedere senza alcuna misura, perché nei mesi successivi se ne pagheranno le conseguenze.

Eppure ci sono persone che molto più facilmente di altre si lasciano andare ai peccati di gola e si abbandonano alla golosità, ed ora gli scienziati hanno scoperto che è tutto merito, o colpa che dir si voglia, di uno speciale ormone.

Grazie a due studi, uno dell’università dell’Iowa e il secondo del Southwestern Medical Center dell’Università del Texas è stato scoperto come il corpo possegga un sistema di regolazione e protezione in grado di farci “ripudiare” gli zuccheri quando si rischia di incorrere in problematiche.

Nello specifico i ricercatori hanno scoperto l’ormone FGF21, prodotto dal fegato durante l’eccessivo consumo di dolci (zuccheri) o prodotti alcolici: l’ormone entra in gioco riducendo la dopamina, neurotrasmettitore che induce il cervello a farci provare piacere.

Sebbene già in passato alcuni studi fossero stati in grado di collegare alcuni ormoni all’aumento o alla diminuzione dell’appetito, FGF21 è in realtà il primo a lavorare su degli specifici nutrienti. Secondo gli scienziati che lo hanno studiato in entrambi gli atenei potrebbe risultare, se utilizzato bene, un’ottima arma per combattere il diabete e l’obesità “regolando” la dieta delle persone.

Next Post

Colombia produrrà legalmente marijuana per uso terapeutico

In Colombia la marijuana è stata legalizzata, anche se solamente per uso terapeutico Negli ultimi anni la scienza sembra certa dei poteri della marijuana nella cura di diverse patologie, soprattutto per quelle neurodegenerative: un argomento tutt’oggi controverso, con molti luminari che la considerano ancora una droga da vietare. Negli ultimi […]