Apple, brevetto per schermo curvo son sensore touch ID

Redazione

Apple avrebbe depositato due nuovi brevetti che sono di particolare interesse per chi ha seguito le ultime indiscrezioni riguardo al nuovo dispositivo iPhone 8, ecco cosa si legge: un brevetto per “Ridurre la dimensione dei bordi di un dispositivo” e uno per un “sensore di impronte digitali incorporato direttamente sul display”.

In altre parole, Apple ha depositato brevetti per due delle più grandi caratteristiche che si dice potranno comparire sul prossimo iPhone. Ora, ovviamente, questi sono solo i brevetti, c’è da precisare che tantissimi di quelli che vengono depositati e concessi effettivamente non sempre appaiono su un dispositivo, soprattutto su un dispositivo che dovrebbe essere già pronto alla produzione e la prossima spedizione negli store. Ma se molti cercavano la prova  che Apple stesse vagliando la possibilità di un iPhone con display curvo con un sensore Touch ID integrato nello schermo, adesso ne hanno la conferma.

Leggendo i brevetti, le implementazioni descritte sono più o meno esattamente quello che ci si aspetta per le due caratteristiche:

“Un substrato flessibile che può essere utilizzato per fabbricare il pannello di visualizzazione e/o il pannello sensore tattile di un dispositivo elettronico cellulare in modo che i bordi del pannello di visualizzazione e/o il pannello sensore tattile possono essere curvi. Curvatura dei bordi che può ridurre la larghezza (o lunghezza) del pannello, che a sua volta può consentire al dispositivo di essere complessivamente più stretto ma senza ridurre la visualizzazione  e la zona touch-attiva del dispositivo.”

In altre parole, il brevetto di Apple dovrebbe creare uno schermo con un materiale flessibile in modo che i sensori del pannello a sfioramento possano seguire la curva intorno al bordo dello schermo, per un dispositivo più sottile senza diminuire le dimensioni dello schermo. E ‘esattamente la stessa strategia utilizzata da Samsung per creare il display Infinity sul Galaxy S8.

Nel frattempo, il brevetto del lettore di impronte digitali è un po ‘più complesso, ma mostra un sensore che è integrato direttamente nel display per accedere più facilmente durante l’utilizzo delle applicazioni. Non è anche il primo brevetto che abbiamo visto relativo a questo argomento da parte della Apple, ma in ogni caso, sembra indicare che l’azienda sta prendendo in considerazione, almeno l’idea.

Next Post

La Rai fa cadere anche la testa di Pippo Baudo?

Questo mese di maggio è decisamente quello degli addii in casa Rai: tra contratti che la Rai non vuole decidersi a rinnovare, come quelli di Massimo Giletti e Adriana Volpe, ed altri che la concorrenza è riuscita a strappare come quello a Nicola Savino, molto probabilmente il nuovo palinsesto autunnale […]