Atlantide in Giappone, c’è anche una piramide sottomarina

Redazione

Si torna a parlare della Atlantide giapponese, tra le rovine una struttura piramidale osservata già nel 1986 a Yonaguni in Giappone.

Atlantide in Giappone ce anche una piramide sottomarina
foto@depositphotos.com

A una profondità di 25 metri, un subacqueo giapponese ha notato un gruppo di gradini quasi perfettamente scolpiti con bordi dritti. Si ritiene che questo monumento a forma di piramide abbia più di 10.000 anni, ma la sua origine è ancora sconosciuta.

Tuttavia, alcuni ricercatori ritengono che questi siano i resti di una civiltà del Pacifico scomparsa da tempo, forse costruita dal popolo preistorico giapponese di Jomon, risalente al 12.000 a.C. come riporta il portale esoreiter.ru.

Oltre alle linee rette, si dice che alcune delle pietre siano scolpite con geroglifici, indicando ulteriormente che si tratta di una struttura artificiale.

Il geologo marino della Ryukyu University Masaaki Kimura si è immerso in queste aree per quasi due decenni per misurare e mappare le formazioni scoperte. È convinto che questi siano i resti di una città sommersa. Ha anche scoperto ceramiche e strumenti in pietra in questo sito.

Parlando a una conferenza scientifica, Kimura ha affermato che “la struttura più grande sembra una piramide a gradoni complessa, monolitica, che raggiunge un’altezza di 25 metri“.

Robert Schoch, professore di scienze naturali al College of General Studies della Boston University, ritiene che Yonaguni sia un fenomeno naturale e sostiene che se la città fosse davvero creata dall’uomo, allora ciò sarebbe dovuto accadere prima dell’era glaciale. Schoch sostiene che i cosiddetti gradini della piramide sono semplicemente il risultato dell’erosione.

Spiega: “Nessuna parte del monumento è costruita con blocchi di pietra separati che sono stati posti nel posto giusto. Le onde e le maree sono responsabili dell’erosione e della rimozione delle arenarie, risultando in strutture a gradini molto regolari“.

Al momento, in ogni caso, non c’è un punto d’incontro tra gli scienziati sull’origine di questa struttura sottomarina.

Next Post

Nuovo studio: Mangiare hamburger tiene lontano la depressione

Secondo un nuovo studio britannico, mangiare carne bovina porterebbe ad un minor rischio di depressione. Uno studio su 440.000 britannici ha scoperto che la carne bovina era collegata a un minor rischio di depressione, con sostanze nutritive come ferro, zinco, proteine ​​e vitamine del gruppo B che potrebbero migliorare il […]
Nuovo studio Mangiare hamburger tiene lontano la depressione