Attento a questi oggetti in casa, sono altamente infiammabili

Redazione

Sappiamo che il legno brucia facilmente ma il metallo no, ma quali sono gli oggetti altamente infiammabili che abbiamo in casa.

Attento a questi oggetti in casa sono altamente infiammabil

Affinché si verifichi un incendio, è necessaria una grande quantità di calore, in modo che le molecole – dal combustibile – acquisiscano energia cinetica sufficiente per “rompere” i loro legami e passare alla fase gassosa. Quindi queste molecole reagiscono con l’ossigeno nell’aria – un processo chiamato ossidazione.

Questo rilascia più calore, che aiuta a rilasciare più molecole dal carburante, che reagiscono con l’ossigeno in una reazione a catena autosufficiente che chiamiamo “fuoco“. Il calore e la luce rilasciati da questo processo danno le fiamme visibili che vediamo negli oggetti in fiamme.

La temperatura minima alla quale può verificarsi tutto quanto sopra è chiamata “punto di infiammabilità“. Materiali diversi hanno diversi punti di infiammabilità.

Qualsiasi cosa con un punto di infiammabilità di 37,8 gradi Celsius e oltre è considerata “combustibile“. Esempi caratteristici sono il legno e la carta.

D’altra parte, le cose con un punto di infiammabilità vicino alla temperatura ambiente (ad es. l’alcol) sono chiamate “infiammabili“, poiché possono evaporare rapidamente ei loro gas possono prendere fuoco rapidamente.

In conclusione, più basso è il punto di infiammabilità, più facilmente qualcosa può prendere fuoco.

Il componente principale della farina è l’amido che è un carboidrato. Le molecole di carboidrati contengono molti legami energetici tra atomi di carbonio e idrogeno.

L’ossidazione può rilasciare l’energia di questi legami e facilita la combustione. Quando la farina diventa pericolosa? Quando è dispersa nell’aria. E questo è vero perché i singoli grani sono molto piccoli, dando loro un’ampia superficie, rispetto alla loro dimensione.

Quando sono sparsi nell’aria, hanno accesso a una grande quantità di ossigeno e diventa più facile bruciarli. Poiché i grani sono così piccoli, bruciano molto rapidamente e “accendono” i grani vicini, diffondendo il fuoco. Se una scintilla o una fiamma vicina (es. un fornello) cattura parte di una nuvola di polvere di farina, tutto prende fuoco. Ciò che vale per la farina vale anche per altri alimenti in polvere.

Altro materiale che prende fuoco facilmente e che abbiamo in casa ci sono i solventi per unghie – a causa dell’acetone che è molto infiammabile, con un punto di infiammabilità di -18 gradi Celsius. Quindi, tienili in un luogo buio.

Poi c’è il vetro, a causa della sua fisica e non della sua chimica. Quando il fuoco entra in contatto con materiale denso ma trasparente, “getta” velocità e, a causa della legge di rifrazione (o legge di Snell), può scoppiare un incendio.

Nel 2015, un edificio di vetro a Londra ha sciolto un’auto parcheggiata in una strada vicina, riflettendo i raggi del sole (per due ore). Quindi è utile non avere oggetti di vetro dove li cattura il sole.

Conservare anche l’olio di semi di lino con cura. I semi di lino sono usati nella produzione di mobili per proteggere e rendere più visibile l’acqua nel legno. Sì, molti oli possono bruciare, ma questo ha la capacità di autoaccendersi, a causa del modo in cui si asciuga e si ossida.

Altro elemento altamente infiammabile che potremmo avere in casa nostra e che brucia facilmente, sono le palline da ping pong e soprattutto quelle vecchie – dal momento che dal 2020 il loro materiale di base è cambiato.

Fino ad allora, erano realizzati in cellulosico (plastica leggera e resistente), un materiale utilizzato nelle pellicole cinematografiche. E questo brucia molto bene – e facilmente. Ha un punto di infiammabilità di 175 gradi Celsius. È un livello alto, ma quando lo raggiunge, prende anche fuoco, senza bisogno di una scintilla o di carburante.

Next Post

Gli viene pagato 286 volte lo stipendio, lui si dimette e sparisce

L’episodio è accaduto in Cile, dove un impiegato si è dimesso dopo aver erroneamente ricevuto lo stipendio per 286 volte. Il problema bancario si è verificato a maggio, con l’uomo che ha promesso al suo capo che gli avrebbe restituito ciò che gli era stato pagato in eccesso, come riferisce […]
Gli viene pagato 286 volte lo stipendio, lui si dimette e sparisce