Colesterolo alto, che cosa fare per abbassarlo? Quale dieta seguire?
Colesterolo alto, che cosa fare per abbassarlo? Quale dieta seguire?

Che cosa dobbiamo fare per cercare di abbassare il colesterolo alto? E che cosa dobbiamo mangiare?

Nella società dell’abbondanza, uno dei problemi principali, almeno per gli occidentali, è in generale mangiare di meno. Ma, più specificamente, è quello di diminuire l’assunzione di grassi e quindi abbassare il più possibile i valori di colesterolo quando superano una certa soglia.

In verità non è un’operazione difficile, dal momento che i valori del colesterolo si alzano soprattutto a causa di un’alimentazione sbagliata, magari unita al fatto che facciamo scarso movimento.

Ecco che allora cominciamo a preoccuparci, e tendiamo a controllare il nostro sangue con analisi più frequenti.

Il problema del colesterolo alto, naturalmente, esiste nel nostro Paese, ma in misura minore rispetto ad esempio agli Stati Uniti, dove è noto che l’apporto di grassi nell’alimentazione quotidiana è semplicemente abnorme. Lì di solito mangiano di più e peggio. Tuttavia l’ipercolesterolemia può dipendere anche da altre cause e concause, come determinate patologie o da fattori ereditari.

Come noto, le lipoproteine ad alta densità, dette anche HDL o colesterolo buono, puliscono il sangue dal colesterolo e lo riversano nel fegato. Invece le lipoproteine a bassa densità, vale a dire le LDL o colesterolo cattivo, lo riversano direttamente nei tessuti. Se le LDL trasportano troppo colesterolo, tendono a riversarne parti consistenti anche sulle pareti dei vasi sanguigni.

Questo vuol dire irrigidimento e restringimento dei vasi; quindi, potenzialmente, attacchi cardiaci e ictus. Per cercare di combattere tutto questo, si consiglia caldamente una dieta equilibrata e il più possibile sana, come quella tipicamente mediterranea. In caso di ipercolesterolemia, fra gli alimenti consigliati ci sono quelli ricchi di Omega3 e Omega6, che si trovano nel pesce bianco e azzurro, nelle verdure a foglia larga, negli oli vegetali, nella frutta secca. Particolarmente consigliato è l’olio d’oliva.

Utili sono poi pane, pasta integrale e riso, passati di verdura e minestre. Il latte scremato e i formaggi magri vanno parimenti bene. Per quello che riguarda la carne, bisogna rivolgersi a coniglio, vitello, tacchino e pollo. Il bianco d’uovo non contiene grassi. Poi, naturalmente, in generale vanno bene ortaggi, fritta e verdure con contenuti di zuccheri non eccessivi. Da ultimo, è sempre bene bere almeno un paio di litri di acqua al giorno.

Particolarmente sconsigliati sono: strutto, burro, lardo, panna, latte intero, formaggi grassi, pesci grassi, molluschi, crostacei, carni grasse, pecora, oca, anatra, salsicce di maiale, pancetta e quant’altro. E non dimentichiamo di fare tanto movimento fisico: è fondamentale.

Potrebbero interessarti

Tumori infantili, la fondazione Veronesi in piazza per raccogliere fondi

I tumori dell’infanzia sono circa l’1-2% di tutti i tumori maligni che…

Udito, la giornata mondiale per sensibilizzare sui rischi

Tra i cinque sensi, l’udito è forse il più importante per entrare in…