Condom Challenge, la follia che sconvolge il web

I genitori sono stati esortati a vigilare su una nuova pericolosa sfida dei social media che gli adolescenti sembrano amare ultimamente la cosiddetta “sfida del condom” o anche “condom challenge”, in pratica sniffare letteralmente un preservativo che poi fuoriesce dalla bocca, il primo ad indagare è stato The Sun. Ma i genitori sono stati avvertiti soprattutto di tenere d’occhio i loro bambini in quanto questa “sfida di tendenza” potrebbe essere a rischio di soffocamento per i partecipanti. Stephen Enriquez, uno specialista dell’educazione statale negli Stati Uniti, dove è iniziata la moda, ha detto a KPMG: “In questi giorni i nostri ragazzi fanno tutto per simpatia“.

Negli ultimi anni si sono susseguite, a ritmo serrato tutta una serie di campagne di sensibilizzazione per l’uso del condom: usare il preservativo è una scelta saggia, che protegge se stessi e i propri partner.

Fedele alleato della salute maschile e femminile, il preservativo è un metodo contraccettivo in grado di tutelare la donna da gravidanze indesiderate, proteggendo nel contempo entrambi gli amanti dalle malattie sessualmente trasmesse.

I condom servono infatti innanzitutto per evitare che lo sperma eiaculato penetri nella vagina ed evitano il contagio da malattie sessualmente trasmissibili come l’A.I.D.S. o altre patologie più o meno gravi.

È di fondamentale importanza usare i condom, anche se i rapporti sessuali non sono completi, per essere sicuri di non contrarre malattie. Altri sistemi contraccettivi come la pillola non proteggono dai contagi: è importante volersi bene e proteggersi sempre, basta davvero poco. Inoltre, si possono acquistare a prezzi davvero lowcost in diversi punti vendita come le farmacie, i distributori automatici, i sexy shop, sul web.

Di certo però i preservativi non servono per altre pratiche, che anzi possono rivelarsi estremamente dannose, come l’ultima moda che sta spopolando tra giovani e giovanissimi.

Condom Change la follia

Si tratta della Condom snorting challenge e comporta l’aspirazione e la conseguente espulsione orale di un preservativo.

La sfida in sé è quella di prendere un preservativo, distenderlo e infilarlo nelle narici per poi farlo uscire nuovamente dalla bocca (in un passaggio che preveda naso, faringe bocca sostanzialmente).

Sfida, ovviamente, da documentare con tanto di video pronto a testimoniare di essere riusciti nell’impresa. La pratica risale almeno al 2007, anche se nel 2013 guadagnò popolarità e attenzione da parte dei media quando la YouTuber Savannah Strong diffuse un video in cui inalava il preservativo appunto, ed è tornata in auge in queste settimane.

Si è tornati a parlarne in seguito ad un workshop per genitori organizzato di recente a San Antonio, in Texas, dove si è parlato delle mode più pericolose per gli adolescenti, che comprendono anche le sfide virali che spesso impazzano sul web.

La notizia è stata quindi ripresa e in breve tempo ha fatto il giro del mondo, puntando nuovamente i riflettori su questa pericolosa sfida.

Le prime stime hanno contato circa 5mila video di ragazzi che hanno pubblicato sul web la propria esperienza.

La sfida però non andrebbe sottovalutata. Secondo alcuni esperti farlo potrebbe creare molti danni alle mucose interne del naso. Inoltre, il condom per sbaglio può finire in gola e quindi essere inghiottito, provocando soffocamento o danni allo stomaco. Senza contare che le sostanze relative alla composizione chimica del condom, possono per alcuni risultare tossiche.

Bruce Y. Lee, professore associato alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, ha citato il caso di una ragazza che si è ammalata di polmonite dopo aver inalato un condom e di un’altra costretta a subire un intervento chirurgico perché residui le erano finiti nell’appendice.

Questa è solo l’ultima delle sfide pericolose per la salute che girano sul web. Poche settimane fa il Cdc statunitense ha lanciato l’allarme sul “tide pod challenge”, la moda di mangiare una capsula di detersivo per lavatrice, mentre in passato ci sono state ad esempio sfide a inghiottire sali da bagno o a tenere in mano pezzi di ghiaccio fino a provocare ustioni.

Laureanda, content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, si occupa principalmente di contenuti legati alla sanità italiana e alla tecnologia.

Potrebbero interessarti

Insonnia causata dal caldo. Ecco i consigli offerti da Coldiretti

Le tristi e freddi giornate invernali sono ormai solamente un ricordo, l’estate…

Tumore: è possibile fermarlo attraverso un gene

Si parla di “immunoterapia” nella ricerca pubblicata dalla rivista Nature e sviluppata…

Le regioni del sud abusano del sale a tavola

Storia e tradizione della cucina locale vogliono i piatti tipici del sud…

Overdose di morfina al neonato “rognoso”, arrestata l’infermiera di Verona

E’ stata arrestata dalla Polizia di Verona l’infermiera “killer” che per far…