Danimarca, il Capodanno tra inchini e tuffi gelidi

Nelle scorse ore vi abbiamo raccontato come, aspettando il Capodanno, è usanza da noi mangiare zampone e soprattutto lenticchie, che nell’immaginario comune rappresentano un auspicio di buona fortuna e di denaro.

Ma nei paesi molto lontani e differenti da noi e dalla nostra cultura, come quelli nordici ad esempio, quali sono i riti propiziatori?

In Danimarca, per avere fortuna nel nuovo anno, allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre, si fanno sette inchini, rovesciando per terra il contenuto delle tasche e pronunciano una formula magica:

Annuncia la fine del vecchio, annuncia l’inizio del nuovo, annuncia l’usura del falso, annuncia l’ingresso del vero”.

Le famiglie inoltre usano mettere da parte i piatti vecchi per poi tirarli fuori, tutti assieme, nel bel mezzo della notte di San Silvestro, il 31 dicembre, per romperli, tirandoli sulle porte di vicini, amici e familiari: un modo, tutto danese, di augurare un anno di gioia e prosperità ai loro cari.

Altra insolita usanza è quella, qualche minuto prima di mezzanotte, di togliersi le scarpe, salendo su una sedia per poi saltar giù al rintocco delle campane, stappando champagne e gustando la Kransekage, tipico dolce di marzapane a forma di cornucopia, intonando l’inno nazionale.

I più temerari, quelli che non temono un malanno nonostante le temperature artiche, optano per un tuffo, il 31 dicembre, nelle gelide acque della piscina all’aperto al Porto di Island Brygge a Copenaghen.

In Norvegia, invece, i bambini ricevono i regali da uno gnomo di nome Nisse, che è anche il custode degli animali delle fattorie. Sempre i bambini, inoltre, hanno l’usanza di andare a chiedere dei biscotti al vicino, tra i quali, in particolare, i biscotti alle mandorle, chiamati sand kager.

Loading...
Potrebbero interessarti

Spagna, due importanti arresti decapitano l’Eta

Due importanti arrestati operati in Spagna decapitano la formazione terroristica dell’Eta. In…

Putin, in Russia testata nuova arma nucleare

La guerra fredda, almeno sulla carta, è finita da un bel pezzo…