Eagles of Death Metal di nuovo sul palco di Parigi

Simbolicamente è la chiusura di un cerchio: loro sono il simbolo di quanto accaduto lo scorso 13 novembre, e loro dovevano tornare nella città ferita ed oltraggiata per portare un messaggio di pace, per dimostrare che la violenza non si combatte con altra violenza, ma a testa alta e spirito fiera.

Meno di un mese dopo il sanguinoso attentato jihadista durante un loro concerto al Bataclan, il gruppo Eagles of Death Metal è salito di nuovo sul palco, lunedì sera, a Parigi, assieme agli U2, per gridare ‘Grazie, Parigi. Ti amiamo’.

La band statunitense il 13 novembre scorso si stava esibendo quando i terroristi fecero irruzione uccidendo 89 persone, tra cui la nostra connazionale Valeria Solesin. La tournee fu poi annullata così come i concerti di altri gruppi tra cui proprio gli U2 che avevano in programma due date nella capitale francese, il 14 e il 15 novembre.

Al momento del bis gli U2 hanno chiamato il gruppo della California a chiudere la loro seconda serata di concerto a Parigi. Bono li ha definiti “fratelli” e ha poi ceduto il palco alla band, in una AccorHotels Arena affollata. «Gli è stato tolto il palco tre settimane fa, vorremmo offrire loro il nostro stasera», ha detto Bono.

Le due band si sono abbracciate e scambiate gli strumenti, poi gli U2 hanno lasciato il palco agli Eagles of Death Metal che hanno suonato I Love You All The Time, tra gli applausi dei sei mila spettatori. Un fan ha lanciato la bandiera rossa bianca e blu sul palco e Jesse ci si è avvolto dentro. Un momento davvero irripetibile.

Next Post

Perfect day, l’assurdità della guerra mostrata da De Aranoa

Proprio in questo periodo storico, dove in molte parti del mondo si combatte, e dove anche in Europa dilaga la paura assieme allo spirito di rivalsa contro i terroristici che hanno insanguinato la nostra terra, bisogna sottolineare, più forte che mai, che la guerra non è un’opzione, ma è la […]