G7, obiettivo comune contenere l’aumento della temperatura a due gradi

Il riscaldamento globale è una delle tematiche più “calde” che si sono affrontate durante l’ultimo G7, il raduno dei potenti del mondo che hanno discusso dei problemi più assillanti e urgenti da risolvere.

Germania, Francia, Regno unito, Italia, Giappone e Usa rappresentano solo il 10% circa della popolazione mondiale, ma sono responsabili del 26% delle emissioni di gas serra mondiali ed è per questo che era così importante che trovassero un accordo su un piano da perseguire assieme.

Come ha riferito Angela Merkel al G7 che si è appena concluso in Baviera, al castello di Elmau, c’è stato «un chiaro riconoscimento sull’obiettivo del contenimento dell’aumento di due gradi della temperatura globale»: l’accordo – che vedrà aumentare a 100 miliardi di dollari all’anno entro il 2020 i fondi per la lotta al riscaldamento globale, attingendo da fonti pubbliche e private – dovrebbe spianare la strada per un successo della conferenza delle Nazioni Unite sul clima in programma a fine anno a Parigi.

Nelle ore precedenti all’ultimo incontro gli attivisti di Greenpeace hanno proiettato con un laser un messaggio sul monte Zugspitz, proprio vicino al luogo del summit: “G7: Go for 100% renewables!”.

“Solo se Stati Uniti, Giappone e Canada dimostreranno un’assunzione di responsabilità nei confronti del Pianeta, smettendo di opporsi a un accordo globale sul clima, potremo dirci soddisfatti da quanto emergerà oggi dal G7 di Elmau”, aveva affermato Luca Iacoboni, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. E alla fine l’accordo è stato trovato.

Questo il commento del Premier Matteo Renzi: «#G7Summit #G7 si chiude bene su clima ambiente sviluppo. Italia non è più il problema dell’economia mondiale, ma parte della soluzione».

Next Post

Roma, due suore bloccate tre giorni in un ascensore

Una storia che per fortuna si è conclusa con un lieto fine: solo tanta paura per due suore che sono rimaste chiuse in un ascensore per ben tre giorni. La storia viene da Roma, precisamente dall’istituto religioso Casa della suore Mariste di via Aurelia 292: nel pomeriggio dello scorso venerdì, […]