I gatti non sentono la mancanza del padrone

Redazione 1

I nostri amici pelosi riescono, in realtà, a non sentire la nostra mancanza secondo uno studio.

I gatti non sentono la mancanza del padrone
foto@Pixabay

In base a un recente studio britannico i gatti non soffrirebbero di solitudine quando i loro padroni li lasciano soli a differenza dei cani.

Infatti secondo quanto si apprende, i felini non sarebbero così apprensivi riguardo ai propri padroni, in pratica il gatto non sente la solitudine e potrebbe tranquillamente vivere da solo senza alcun problema.

Il gatto è proverbialmente un animale indipendente e proprio per quest’indole comune a molti esemplari di questa specie, non sentono la necessità che i loro padroni siano con loro per sentirsi al sicuro.

I gatti posso stare tranquillamente da soli e non dipendono dai loro padroni, caratteristica che non si riscontra nei cani e in altri animali da compagnia.

Questo non vuole dire che non sono legati ai loro padroni, secondo gli esperti: “i gatti sviluppano preferenze sociali e relazioni strette, me queste non sembrano basarsi su un bisogno di sicurezza. E questo accade anche nel caso di esemplari considerati dai proprietari molto affettuosi”.

Sapere che il gatto non soffre di solitudine e sta bene anche da solo, ha fatto sì che in questi ultimi anni è diventato l’animale di compagnia più diffuso in Europa.

One thought on “I gatti non sentono la mancanza del padrone

  1. Sono sciocchezze guai se vado via le mie gatte si lamentano non mangiano fino al mio ritorno e mi aspettano dalla porta dandomi i bacetti col musetto triste

Comments are closed.

Next Post

Adolescenti, rischio depressione per l’ossessione di restare sempre online

L’ossessione di essere sempre online, principalmente sui social, può ricondurre ad un disturbo di tipo depressivo. L’uso massiccio che soprattutto i ragazzi fanno dei social, emerge da tutte le ricerche condotte nell’ultimo decennio: sono casi più unici che rari coloro che non sono iscritti a uno o più social network […]
Adolescenti rischio depressione per ossessione di restare sempre online