Greenpeace, salvaguardare il futuro dall’invasione delle trivelle

Da qualche tempo Greenpeace sta portando avanti una singolare campagna si sensibilizzazione: “TrivAdvisor” è una campagna online con cui Greenpeace fa la parodia di un famoso portale di viaggi, pubblicando diversi fotomontaggi che mostrano i panorami di splendide località turistiche italiane invase da trivelle e piattaforme.

Nell’ambito di questa campagna nelle scorse ore è stata organizzata anche una protesta nell’Adriatico, dove a soli tre chilometri dalla costa di Civitanova Marche, c’è la piattaforma petrolifera offshore Saramago Mare A, gestita dalla Edison.

Un grande striscione galleggiante con la scritta “STOP TRIVELLE”: questo è il messaggio lasciato a pelo d’acqua da attivisti di Greenpeace, che si sono poi finti “turisti petroliferi” di un possibile futuro prossimo, in cui le vacanze balneari potrebbero svolgersi all’ombra delle piattaforme petrolifere.

« È davvero questo il futuro che vogliamo, fatto di airgun, trivelle e piattaforme? Di petrolio sotto i nostri fondali ce n’è pochissimo: quantità irrisorie per il fabbisogno energetico del Paese, ma occasione di profitto per una manciata di aziende. Dovrebbe essere chiaro a tutti che il gioco non vale la candela», ha dichiarato Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace.

In poche settimane, più di 43 mila persone hanno già firmato la petizione per chiedere una radicale revisione della strategia energetica.

Loading...
Potrebbero interessarti

Festa del Gelato in occasione del Ferragosto celebrato all’Expo di Milano

La giornata di ferragosto è una delle festività più attese da grandi…