Greenpeace, salvaguardare il futuro dall’invasione delle trivelle

Da qualche tempo Greenpeace sta portando avanti una singolare campagna si sensibilizzazione: “TrivAdvisor” è una campagna online con cui Greenpeace fa la parodia di un famoso portale di viaggi, pubblicando diversi fotomontaggi che mostrano i panorami di splendide località turistiche italiane invase da trivelle e piattaforme.

Nell’ambito di questa campagna nelle scorse ore è stata organizzata anche una protesta nell’Adriatico, dove a soli tre chilometri dalla costa di Civitanova Marche, c’è la piattaforma petrolifera offshore Saramago Mare A, gestita dalla Edison.

Un grande striscione galleggiante con la scritta “STOP TRIVELLE”: questo è il messaggio lasciato a pelo d’acqua da attivisti di Greenpeace, che si sono poi finti “turisti petroliferi” di un possibile futuro prossimo, in cui le vacanze balneari potrebbero svolgersi all’ombra delle piattaforme petrolifere.

« È davvero questo il futuro che vogliamo, fatto di airgun, trivelle e piattaforme? Di petrolio sotto i nostri fondali ce n’è pochissimo: quantità irrisorie per il fabbisogno energetico del Paese, ma occasione di profitto per una manciata di aziende. Dovrebbe essere chiaro a tutti che il gioco non vale la candela», ha dichiarato Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace.

In poche settimane, più di 43 mila persone hanno già firmato la petizione per chiedere una radicale revisione della strategia energetica.

Next Post

Sony produrrà droni destinati a imprese e professionisti

Che i droni siano nel futuro della tecnologia ormai sembra un dato quasi certo, e di fatto tutti i più grandi colossi tecnologici vi stanno lavorando, a partire da Google fino ad arrivare ad Amazon che già da diversi mesi sta lavorando alle spedizioni utilizzando proprio i droni. Ora ha […]