La pandemia ci sta facendo mangiare male

Redazione

I bambini provenienti da famiglie con un basso livello di istruzione potrebbero essere le principali vittime. “Mostra che il divario si sta allargando“, dice Donalies della German Nutrition Society. Anche in condizioni di isolamento, le famiglie benestanti danno grande importanza a una dieta equilibrata.

Nelle famiglie con un livello di istruzione piuttosto basso e un reddito inferiore, tuttavia, spesso manca la conoscenza di come mangiare in modo sano. Per molti dei bambini di queste famiglie, mangiare negli asili nido e nelle scuole è quindi particolarmente importante. “Ci sono bambini che ricevono l’unico pasto equilibrato al giorno a scuola o all’asilo“, dice Donalies.

La pandemia ci sta facendo mangiare male

Secondo uno dei nutrizionisti di Monaco, il rischio di aumentare di peso durante la crisi per questa pandemia è ovviamente maggiore. Secondo il sondaggio rappresentativo di circa 1.000 famiglie, un buon quarto di tutti i genitori e il nove per cento di quelli sotto i 14 anni erano ingrassati nel corso della pandemia. Tra gli ultracinquantenni provenienti da famiglie con un titolo di studio basso, era addirittura del 23 per cento, come scrivono gli esperti nello studio pubblicato sulla rivista “Annals of Nutrition and Metabolism“.

I bambini sono più a casa. A volte si muovono meno e fanno più spuntini“, spiega l’autore Hans Hauner, professore di medicina nutrizionale presso l’Università tecnica di Monaco. Alcuni dei bambini delle famiglie intervistate hanno mangiato più frutta e verdura rispetto a prima della pandemia. Circa un quinto di tutti i bambini ha anche mangiato più spesso cioccolato e patatine. I bambini sopra i 10 anni, in particolare, consumavano più spesso spuntini dolci e salati.

Uno studio a livello nazionale del Centro medico universitario di Amburgo-Eppendorf sulla salute mentale e il benessere dei bambini di età compresa tra 7 e 17 anni ha anche dimostrato che molti bambini vivono in modo meno sano dall’inizio della pandemia di coronavirus. A tal fine, il team di ricerca ha intervistato più di 1.000 bambini e giovani e più di 1.600 genitori da metà dicembre 2020 a metà gennaio 2021. Dopo di che, molti bambini e adolescenti hanno seguito una dieta malsana con molti dolci, dieci volte più bambini rispetto a prima della pandemia non hanno praticato nessuno sport.

Il nutrizionista Hauner teme quindi che la crisi della pandemia possa aggravare il problema dell’obesità patologica nei bambini e negli adolescenti – con possibili conseguenze a lungo termine. “Gli studi dimostrano che circa l’80 per cento degli adolescenti obesi rimangono obesi nella tarda età adulta“, afferma Donalies. E quindi hanno un rischio maggiore di diabete, ipertensione o malattie cardiovascolari.

Più stress in famiglia, meno contatti sociali, eliminazione di strutture quotidiane fisse e quindi anche di pasti fissi: tutti fattori di rischio che possono favorire anche disturbi alimentari. Le ragazze che soffrono di anoressia, in particolare, spesso non sono in grado di affrontare lo stress così bene, spiegano gli specialisti.

Hanno sofferto particolarmente a causa dell’incertezza e della perdita di controllo nella pandemia. Hanno cercato di compensare ciò controllando ancora di più il loro peso.

Next Post

Alcune vitamine sono utili contro la depressione

La depressione è oggi la quarta malattia più comune al mondo e secondo alcuni ricercatori sarà prossima causa di morte e disabilità nei prossimi 20 anni. La depressione di solito si manifesta con diversi sintomi come ad esempio senso di inutilità, incapacità di affrontare il lavoro, insonnia, affaticamento e dolori […]
Alcune vitamine sono utili contro la depressione