Lady Gaga e il principe William uniti per le problematiche psicologiche
lady gaga principe william problemi mentali

Una collaborazione che unisce il principe William e la cantante Lady Gaga per una nuova campagna atta ad incoraggiare le persone a discutere ed aprirsi sulle problematiche di naturale psicologica.

Lady Gaga oggi 31enne, ha pubblicato una lettera aperta alla Born This Way Foundation, nella quale ha parlato del suo disturbo legato allo stress post-traumatico, in seguito alla violenza sessuale subita quando era adolescente.

Un collegamento attraverso Facetime con il principe William, ha dato il “là” a questa collaborazione, Lady Gaga ha spiegato:

Mi sentivo molto nervosa in un primo momento, per me svegliarsi ogni giorno era sintomo di tristezza e salire sul palco era difficile. C’è troppa vergogna nell’esternare le problematiche psicologiche e mentali, ci si sente come se ci fosse qualcosa di sbagliato in te” ha proseguito la cantante “Nella mia vita adesso guardo quante cose belle e meravigliose che ho, ma non si può fare a meno di svegliarsi la mattina e sentirsi tristi e pieni di ansia”.

Il principe William, che ha programmato di incontrare Lady Gaga, ha confermato: “E’ ok questa conversazione, è importante riuscire a superare questo tabù, perché andare avanti può creare solo più problemi e trascinare verso il basso. Oggi si sente parlare molto più della ‘salute mentale’ così come quella fisica”.

Lady Gaga aveva precedentemente spiegato al Today Show: “Ho detto ai ragazzi di oggi che soffro di una malattia mentale. Soffro di PTSD, non l’ho mai detto a nessuno prima, quindi eccoci qui. Ma la gentilezza che hanno mostrato verso di me i medici così come la mia famiglia, ed i miei amici, mi ha davvero salvato la vita“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ilary Blasi si gode il mare di Sabaudia con Isabel

Ilary Blasi si gode il mare di Sabaudia con Isabel. Al mare…

Janet Jackson, il marito fa i bagagli per trasferirsi

Dopo gli ultimi rumors legati alla possibile separazione tra la cantante Janet…